Centrosinistra: parole e fatti

di: Domenico Rosati

I due tronconi del Partito Democratico, come risultano dopo la scissione, si sono classificati rispettivamente al terzo e al quarto posto nelle elezioni siciliane. Piazzamenti onorevoli ma non certamente vincenti.

Forte lo smacco per il pezzo maggioritario del PD, facente capo al segretario Renzi, che era partito con l’ambizione di arrivare primo; e non meno rilevante la sconfitta per l’altro pezzo, quello intestato a D’Alema e Bersani, che puntava a superare i fratelli separati.

Entrambi si sono dovuti mettere in fila dopo i primi classificati, le destre unite, e i grillini giunti secondi. E altrettanto, sia pure in scala minore, è accaduto alle “municipali” di Ostia.

due tronconi del Partito Democratico

Coscienza della sconfitta

Non occorre un di più di fantasia per immaginare che la constatazione della comune sconfitta abbia riattivato, in entrambe le contrade, il desiderio di ripristinare, in vista delle “politiche” di primavera, quel minimo (o massimo) di unità che consenta di ritenere che non si è battuti fin dalla partenza.

C’è, oltretutto, una legge elettorale che prevede una quota di collegi uninominali dove, per vincere, occorre prendere un voto più degli altri, il che comporta, obiettivamente la necessità di mettersi insieme. E certi assemblaggi avvengono, in genere, tra entità diverse; ché, se si trattasse di forze omogenee, non sarebbe difficile costruire liste comuni.

Di fronte a questa realtà, Matteo Renzi ha dovuto mettere una notevole dose d’acqua nel vino della sua proclamata autosufficienza. Come quel noto condottiero che “rinculando fingeva di avanzare”, Renzi ha continuato a glorificare il 40% dei voti raggiunti dal suo partito (una volta, nella vittoria alle Europee del 2014 e, un’altra volta, nella sconfitta del referendum costituzionale del 2016). Ma, nello stesso tempo, ha cercato un contatto con gli scissionisti per una riflessione sul da farsi.

La legge tra grandi e piccini

Ci sono, per la verità, altri soggetti che si candidano a coalizzarsi con il PD, da parti della galassia radicale a residui della lista Monti, ai socialisti di Nencini. Ed è ancora in campo, mentre scriviamo, l’impresa di Giuliano Pisapia volta a federare entità diverse nell’area della sinistra per dare maggior consistenza alla sua rappresentanza. Su un’altra orbita sembrano invece navigare, per ora, i presidenti dei due rami del parlamento, Grasso e Boldrini, accomunati da un giudizio di irredimibilità del PD.

Ma non sono entità mastodontiche e spesso non nascondono neppure che solo appoggiandosi al… fratello maggiore potrebbero ottenere il minimo per “esserci”.

Renzi sa benissimo che può trovare giovamento dal meccanismo della legge elettorale per cui i voti raccolti dalle liste minori nei collegi, che non bastino a far eleggere un parlamentare, sono “girati” alla lista maggiore della coalizione. Ma sa pure che, affidandosi alla pur folta schiera dei “minori”, potrebbe bensì contare su una notevole massa di candidati ma non su una corrispondente quantità di voti.

 L’“apertura” di Renzi

Di qui il bisogno di avviare un discorso con l’agenzia più grande del retroterra della sinistra; e si capisce che gli costa fatica, perché da quella parte si è aperta, senza il suo contrasto, una ferita che non è affatto rimarginata.

Così, nella direzione del 13 novembre, Renzi ha annunciato e fatto annunciare, di aver “aperto” anche verso il Movimento degli scissionisti e ha anzi affidato a Piero Fassino (uomo di comprovate attitudini di mediazione) l’incarico di portare a buon fine i negoziati. Con quali prospettive?

Tutto dipende da quel che si vuole discutere. Gli interlocutori della scissione hanno subito messo le mani avanti: più che i seggi ci interessano i programmi, hanno detto. E hanno insistito soprattutto sull’esigenza di rivedere le norme sul lavoro (jobs act) e sulla “buona scuola”. Hanno inoltre fatto la voce grossa con Bersani: «non chiacchiere ma fatti».

In nome del “vissuto comune”

È un rifiuto pregiudiziale di confronto o una comprensibile tattica pre-negoziale?

In realtà, su alcuni punti programmatici, come lo jus soli e il fine-vita, il PD ha dichiarato piena disponibilità, mentre sulle questioni della scuola e del lavoro non ha negato l’utilità di correzioni che però non significhino cancellazione dell’acquisito.

D’altra parte, quando dice di essere disposto a compiere alcune “revisioni senza abiure”, Renzi sa bene – e lo sanno i suoi interlocutori – che molte delle scelte compiute nei primi anni della legislatura sono state condivise dal partito e dai parlamentari in tutte le loro componenti.

C’è, quindi, un vissuto comune – altra volta parlammo di “comuni trascorsi” – che può essere invocato da ambo le parti e che può aiutare, se si vuole, a compiere tutti gli aggiustamenti per portare a buon fine l’operazione.

Un patto di sopravvivenza

La quale, se decolla, non avrà bisogno di spingersi fino ai “capillari” di un programma di legislatura. Non è un esempio da raccomandare quello dell’“unione” con cui nel 2006 Prodi presentò al voto tutta la galassia dei sostenitori con un volume di impegni concordati che però si liquefece al primo calore della polemica.

Stavolta il nodo unitario, quello che spinge a trovare un’intesa, sarebbe molto meno impegnativo: ha la figura di un patto di sopravvivenza. Le forze minori sono spinte a mettersi insieme per non scomparire. E ciò riguarda anche la pattuglia di Alleanza Popolare dell’on. Alfano, a sua volta divaricata tra la continuità della cooperazione a sinistra e la suggestione del richiamo di una destra “vincente”.

Sicilia docet

Si è scritto che non sarà un’alleanza ma un apparentamento o, forse, una temporanea coabitazione. Si è precisato che non è più il caso di indicare preventivamente il “candidato premier” perché tanto si dovranno fare i conti solo dopo i risultati delle urne.

Voci autorevoli nel PD hanno invitato a riflettere su un dato elementare: se si va da soli si perde. Sicilia docet. Dunque, bisogna fare qualcosa che riequilibri le probabilità. La forma può variare: dalle liste comuni vere e proprie alle “desistenze” già sperimentate in passato, ad altre modalità da escogitare.

Fare come la destra?

L’estetica non è appagata. E forse neppure l’etica. Ma la legge elettorale è fatta in modo tale da rendere conveniente un pur labile segno di convergenza rispetto ad ogni per quanto splendido isolamento.

Non si dimentichi che la legge mira a penalizzare il Movimento 5Stelle che continua a negarsi ad ogni specie di contatto col mondo esterno. Tanto che viene fatto di pensare a cosa accadrebbe se i seguaci di Grillo decidessero di inaugurare all’improvviso una politica di alleanze.

Per intanto, l’unica intesa già stipulata è quella della destra con i tre soggetti fondatori, Forza Italia, Lega (non più Nord) e FdI, con il prevedibile contorno di varie formazioni satelliti tra le quali spicca quella animalista dell’on. Michela Brambilla.

Che non si tratti di una vera alleanza è evidente, ma ora il suo motto – “uniti si finge” – potrebbe estendersi anche al centrosinistra in nome di una ravvisata comune utilità.

Tra incognite e pensieri lunghi

Non è detto che le cose vadano così. Sono in campo altre e più cupe ipotesi di scenario. L’esasperazione antirenziana che alligna tra le sinistre potrebbe far preferire il sicuro tracollo del PD a una limitata affermazione dei propri candidati. Il “solipsismo” di Renzi, comprovato in più di un’occasione, potrebbe dare della convergenza elettorale una versione talmente riduttiva e strumentale da scoraggiare tutti i mediatori.

Ma non si possono neppure escludere sorprese. Ad esempio, una correzione in senso collegiale nella leadership del PD, non tanto a garanzia di un accordo aleatorio quanto a sostegno di una maggiore stabilità nella prossima legislatura. Ma qui i pensieri lunghi, ai quali non si può rinunciare, sfumano nel miraggio.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi