Il Covid-19 in Asia

di:

covid in asia

Yangon, 9 maggio 2020

La pandemia di Covid-19 in tutto il mondo è ora una “tempesta perfetta”. Mette in discussione il nostro modo di vivere, di lavorare e di festeggiare. L’impatto in Myanmar fino ad ora è stato più lento ad arrivare, ma questo può solo significare che durerà più a lungo. Paese per Paese l’impatto è stato diverso a seconda della geografia, dei controlli alle frontiere, della leadership e delle decisioni del governo e della preparazione dei sistemi sanitari pubblici.

Questi sono tempi di prova per tutti. In ogni caso i più colpiti sono quelli che non possono isolarsi socialmente, che non hanno acqua da lavare, che hanno perso il lavoro e quindi non hanno un reddito giornaliero, che tornano nel loro paese come disoccupati, lavoratori migranti affamati, che non hanno un governo che si occupi di loro. Per molti la priorità è “appiattire la curva della fame”.

Come vivere questo tempo

Voglio incoraggiare tutti a vivere questo tempo in modo fruttuoso, generoso e con speranza. Preoccupiamoci l’uno dell’altro. Mi unisco all’appello dei leader religiosi ai credenti in Dio in tutto il mondo, per programmare “un giorno per il digiuno, le preghiere e le suppliche” la prossima settimana, il 14 maggio.

asia covid

Nella maggior parte dei Paesi dell’Asia viviamo ora sotto restrizioni. Le scuole sono chiuse, le fabbriche sono chiuse, i mercati stanno finendo le scorte, i viaggi sono proibiti. Eppure, con una follia incredibile e oscena, i conflitti continuano. I comandanti militari degli eserciti governativi ed etnici, come se credessero che le loro armi siano più potenti di questo virus, continuano a esporre i loro soldati, mettendo continuamente in pericolo i civili e rischiando una conflagrazione del contagio tra la popolazione delle loro nazioni.

Molti si chiedono “quando finirà tutto questo per farci tornare alla normalità? La risposta alla domanda “quando finirà?” è mai. Non finirà mai, non solo nel senso che le cose non saranno mai più le stesse, cosa che non accadrà. Ma nel senso che quello che facciamo ora rimarrà. L’Asia ha vissuto molti conflitti senza fine, guerre e crisi, lo tsunami, il ciclone Nargis, e frequenti e devastanti tifoni. Sappiamo che ogni crisi ci ha lasciati cambiati. Questa volta ogni Paese del mondo ne è stato colpito. Lascerà il nostro mondo profondamente cambiato. La politica cambierà. Le relazioni internazionali saranno diverse.

Una catastrofe che colpisce oltre 200 paesi cambia il mondo. È come una guerra mondiale. Anche se Covid-19 può essere contenuto in pochi mesi, l’eredità vivrà con noi per decenni. Influenzerà il modo in cui vediamo e comprendiamo la comunità, cambierà il modo in cui ci colleghiamo, come viaggiamo, come costruiamo le nostre relazioni. Se i governi non affronteranno la sfida, perderanno la fiducia del loro popolo.

Costruire il futuro

In una crisi vediamo la leadership al lavoro. Gli esperti dicono che gli elementi chiave di una buona leadership in una crisi sono: dare una direzione, dare un significato, fare ed essere empatici. Un buon leader offre un quadro trasparente per prendere decisioni, dà un senso a ciò che sta accadendo, capisce come si sentono le persone e quindi crea fiducia. Un buon leader persuade il collettivo ad assumersi la responsabilità collettiva per affrontare le sfide collettive. Un buon leader protegge i deboli e l’inclusività del modello, bandendo rapidamente qualsiasi razzismo o divisione. Un buon leader si prende cura delle comunità a rischio. Un buon leader costruisce la comunità e attiva gli anticorpi contro la paura, l’ansia e l’antipatia.

Un popolo ben informato è più efficace e potente di un popolo ignorante. La gente merita di conoscere i fatti. I paesi con una informazione onesta si guadagnano la volenterosa collaborazione di un pubblico ben informato. L’epidemia più grave che affrontiamo è l’erosione della fiducia. In una crisi come questa i veri leader usano le loro opportunità per costruire la fiducia.

La costruzione della nazione non avviene semplicemente nelle nostre capitali e nei responsabili delle decisioni. La costruzione della nazione inizia con l’ascolto e l’accompagnamento delle persone ai margini della società. Si tratta di costruire tutti. Tutti hanno un ruolo.

Il mondo era pieno di seri problemi prima del coronavirus. La disuguaglianza era dilagante, tra le nazioni e all’interno delle nazioni. I poveri soffriranno in modo sproporzionato in questa crisi, gli abitanti delle baraccopoli, i lavoratori a giornata, i lavoratori migranti di ritorno. Le persone ai margini della società sono state a lungo trascurate. Ora ci troviamo di fronte a un cambiamento epocale caratterizzato da paura, xenofobia e razzismo.

covid asia

I leader populisti compaiono oggi in molti paesi. L’antidoto al populismo sta negli sforzi dei cittadini organizzati che sono pronti a promuovere l’esperienza del “noi” sul culto del sé.

Molte decisioni e pratiche adottate in un periodo di crisi diventano permanenti. Ciò vale per il modo in cui i governi decidono le loro priorità e vale per le piccole cose a casa.

Il modo in cui vi comportate ora, i passi che fate ora, vi accompagneranno per tutta la vita. Il vostro modo di vivere come famiglia, il modo in cui affrontate o evitate i vostri vicini, il modo in cui vi divertite e il modo in cui vi riposate. Questi attecchiranno. Scoprirete che avete, che state avendo, un continuo cambiamento di coscienza. Questo vale per il modo in cui vediamo e ci relazioniamo con il nostro mondo. Non c’è ritorno agli affari come al solito. Le nostre vite non riprenderanno come se questo non fosse mai accaduto. La domanda da porsi è: “Che tipo di mondo vogliamo quando passa la tempesta?

L’assenza di legami sociali ci rende più ardenti per questo. Perché abbiamo permesso così tante divisioni nel mondo? Perché è stato permesso di consumare il Myanmar per così tanti decenni? Perché parti delle Filippine e dell’Asia sono soggette a tali controversie? Perché in Asia abbiamo le guerre più lunghe del mondo? Guardando le nostre storie vissute fino ad ora, chiediamoci: perché non sono stati costruiti legami più forti quando ne abbiamo avuto la possibilità? Perché milioni di persone devono emigrare all’estero, solo per poter vivere? Ora, perdendo il lavoro all’estero, tornano a casa a migliaia, nei villaggi che hanno lasciato in preda alla disperazione. Guardando avanti, possiamo costruire un’economia che abbia un posto per tutti, che metta le persone al primo posto? Possiamo avere una solidarietà tenace? Un desiderio per il bene comune che sia fondato sul rispetto?

Quali lezioni imparare?

Entriamo nell’isolamento e restiamo a casa per il bene comune. Entriamo dentro, ma dobbiamo guardare fuori. Questo è un tempo di pazienza, di energia e di intelligenza. La pazienza si impara praticandola. Questo è un tempo per organizzare saggiamente la nostra vita e le nostre energie; un tempo per ampliare la nostra immaginazione e la nostra intelligenza; per imparare in modi nuovi e per prepararci a un mondo nuovo. È un tempo per rendersi conto di come dipendiamo l’uno dall’altro e per imparare a lavorare in modo collettivo e cooperativo, condividendo le responsabilità e apprezzando la solidarietà. Soprattutto, questo è un momento per mettere da parte l’odio e le armi e affrontare il nemico comune che sta attaccando tutta l’umanità.

Niente ha colpito il mondo intero in modo così radicale come questo virus. Ma non accantonate le vostre vite. La pandemia ci offre il tempo di entrare, ma ci dà anche il tempo di essere consapevoli degli altri, di incoraggiarci l’un l’altro, un tempo di solidarietà con le persone vulnerabili, e un tempo di pregare per capire cosa sta succedendo nel nostro mondo. Benvenuto ogni giorno per la sua freschezza. Non aspettate che tutto questo finisca. Utilizzate questo tempo in modo creativo.

Anno dopo anno nei sondaggi globali, i cittadini del Myanmar sono annoverati tra le persone più generose del mondo. Non perché danno di più, ma perché più persone in Myanmar danno agli altri. Questo è evidente nella nostra crisi attuale. Anche quando siamo in difficoltà, la generosità delle persone è evidente. Molti operatori umanitari internazionali possono essere andati via, ma le organizzazioni non governative locali stanno agendo in proprio, da volontari, altruisticamente pronti a incanalare i bisogni primari verso chi è in difficoltà.

covid asia

In tutta l’Asia, molte persone sono ora ferite, fisicamente, emotivamente, finanziariamente e spiritualmente. Con la sua risposta nazionale alla pandemia Covid-19 guidata dalla KMSS (Karuna Mission Social Solidarity), la Chiesa cattolica del Myanmar si unisce a questo movimento di generosità tipico del nostro Paese. Ci adoperiamo per sostenere gli altri. I vicini e le autorità di rione hanno un occhio di riguardo per coloro che potrebbero non avere abbastanza da mangiare. Questo è il momento di portare nel nostro mondo la bontà, la misericordia e l’amore di Dio.

In ogni crisi c’è la tentazione naturale di aspettare che passi. Ma le soluzioni non si realizzano aspettando. Come hanno detto Amartya Sen e molti altri, una società migliore può emergere da questo tempo di isolamento. Non basta sedersi sulle mani e aspettare. Non negare la realtà. Dobbiamo essere proattivi. Cominciate a muovervi. Approfittate di questo tempo per trovare e vivere i ritmi e le relazioni con le quali volete caratterizzare il nostro futuro. Immaginate e preparatevi ad un mondo cambiato. Costruite rapporti di fiducia che vi accompagneranno per i decenni a venire.

Arundhati Roy dice che Covid-19 è un “portale”, una porta, che è un momento di rottura tra il vecchio e il nuovo, da un mondo dove pochi sono privilegiati e molti trascurati, a un mondo cambiato dove la dignità di ogni persona umana è riconosciuta. Vi state preparando a passare a quel mondo?

  • Il cardinale Charles Maung Bo è Arcivescovo di Yangon (Myanmar) e presidente Federazione delle Conferenze Episcopali Asiatiche.
Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi