Haiti: un paese allo sbando

di:

situazione

L’ultimo sconvolgimento ad Haiti, l’assassinio il 7 luglio del suo presidente Jovenel Moïse, porta la nazione caraibica un passo più vicino allo status di stato fallito, ha detto il gesuita Jean Denis Saint-Félix. “Quello che è successo il 7 luglio è solo un esempio di questo tipo di stato fallito. Non abbiamo il controllo di niente”.

I trasporti nella capitale della nazione si sono fermati, e la maggior parte dei residenti stanno semplicemente rimanendo nelle loro case. “Siamo ancora scioccati da quello che è successo, e la gente non capisce quello che sta accadendo”.

Ci ha detto che non c’è alcuna presenza apparente della polizia nelle strade e il piccolo esercito haitiano “esiste a malapena; non è una forza efficace”. Padre Saint-Félix, il superiore dei gesuiti ad Haiti, ha descritto le condizioni del paese questa settimana dalla residenza dei gesuiti a Port-au-Prince.

“Tutti sono in una modalità di attesa” – in attesa di scoprire cosa è successo e perché, e “cosa succederà”. Ha chiesto a tutti i gesuiti di Haiti e ai laici che lavorano con loro di stare lontani dalle strade e di sospendere tutte le attività.

I funzionari del governo haitiano non hanno parlato di un motivo per l’uccisione, dicendo solo che l’attacco, condannato dai principali partiti di opposizione di Haiti e dalla comunità internazionale, è stato effettuato da “un gruppo altamente addestrato e pesantemente armato”.

Diciassette persone sospettate sono state arrestate finora, compresi due uomini con doppia cittadinanza statunitense e haitiana. Léon Charles, capo della polizia nazionale di Haiti, ha detto l’8 luglio che quindici dei detenuti venivano dalla Colombia. Il governo colombiano ha riconosciuto che almeno sei degli uomini sono ex membri del suo esercito.

Il capo della polizia ha detto che si è in cerca di altri otto sospetti e che altri tre sono stati uccisi dalla polizia. Le informazioni precedenti riferivano che sette assalitori erano stati uccisi.

Il primo ministro Claude Joseph ha assunto la leadership di Haiti con l’appoggio della polizia e dell’esercito e l’8 luglio ha chiesto alla gente di riaprire le imprese e di tornare al lavoro, ordinando la riapertura dell’aeroporto internazionale. Il giorno prima aveva decretato uno stato d’assedio di due settimane dopo l’uccisione del presidente Moïse, che ha scioccato una nazione alle prese con uno dei più alti tassi di povertà, violenza e instabilità politica dell’emisfero occidentale.

Una situazione esplosiva

Anche prima dell’assassinio, con la crescente tensione politica accompagnata da nuovi picchi di criminalità violenta, la situazione ad Haiti è stata “esplosiva per alcuni mesi”, ha detto padre Saint-Félix. Il presidente Moïse si era fatto molti nemici tra l’élite politica ed economica di Haiti.

Ma padre Saint-Félix ha detto che è improbabile che le fazioni dell’opposizione abbiano perseguito un tale percorso per spodestare un presidente che aveva governato sfidando le loro richieste di dimettersi. Le speculazioni a Port-au-Prince si sono concentrate sugli attori del settore privato, perché “il presidente ha combattuto alcuni grandi interessi nel paese”.

“Non è un segreto per nessuno che c’erano settori che sentivano che il presidente li aveva presi di mira” – ha detto padre Saint-Félix. “Era una lotta molto aperta tra il presidente e alcuni settori della vita economica del paese”.

“E questo fa parte della crisi in cui ci troviamo, perché tutto è possibile in questo paese”.

“La mia paura è: Chi comanda in questo momento? Nessuno, nessuno è al comando della situazione. Il primo ministro dice che tutto è sotto controllo, ma sappiamo che è falso perché niente è stato sotto controllo negli ultimi tre anni”.

Ha spiegato che “tutto il paese è stato scosso da gruppi armati”. Sono le persone che di fatto hanno in mano le città e le autostrade che collegano le comunità di Haiti, e i loro atti di rapimento, rapina, estorsione e peggio hanno terrorizzato sia i ricchi che i poveri di Haiti. Alcune delle bande criminali, ha detto padre Saint-Félix, sembrano avere legami con il governo; altre con attori del settore privato e fazioni dell’opposizione.

È una ricetta esplosiva per il disordine e la disfunzione che non si è mai vista prima in un paese che ha sopportato molteplici disastri naturali e causati dall’uomo e periodi di profonda instabilità politica ed economica.

La cupa valutazione di padre Saint-Félix è stata condivisa dall’arcivescovo di Miami Thomas Wenski in una breve dichiarazione: “Con l’assassinio del presidente Jovenel Moïse da parte di mercenari stranieri assoldati, Haiti potrebbe facilmente diventare la Somalia dei Caraibi. Il fatto che quattro dei sei assassini siano stati uccisi dalla polizia aumenta ulteriormente i sospetti” (dichiarazione dell’8 luglio, prima che fossero effettuati altri arresti). “Un proverbio haitiano dice, ‘voye woch kache men’ che vuol dire: chi ha lanciato la pietra nasconde la sua mano. Se si vuole evitare il caos e dare agli haitiani la possibilità di un futuro di speranza, queste mani nascoste devono essere smascherate e consegnate alla giustizia”.

Secondo la costituzione di Haiti, il presidente Moïse dovrebbe essere sostituito dal presidente della Corte Suprema di Haiti, ma il giudice capo è morto recentemente di Covid-19, lasciando aperta la questione di chi potrebbe legittimamente succedere alla carica.

Il primo ministro Joseph, nel frattempo, avrebbe dovuto essere sostituito da Ariel Henry, un neurochirurgo che era stato nominato primo ministro dal presidente Moïse un giorno prima dell’assassinio. Henry ha detto all’AP in una breve intervista che lui è il primo ministro, definendo la situazione eccezionale e confusa. Una lotta per la legittimità politica potrebbe aggiungersi all’attuale confusione, e i funzionari statunitensi per ora sembrano sostenere Joseph come primo ministro.

Una minaccia incombente: il Covid-19

Negli ultimi anni Haiti è stata colpita da una serie di disgrazie. Decenni di instabilità politica hanno seguito la deposizione del regime di Duvalier nel 1986. Ancora maggiore incertezza è stata generata da un colpo di stato militare che ha rimosso un ex prete, Jean-Bertrand Aristide, dal potere nel 1991.

Il paese è stato devastato da un terremoto nel 2010, senza essersi ancora ripreso da questa catastrofe. “Si possono ancora vedere le tracce del terremoto nelle città, se ne possono vedere le tracce anche nella gente” – ci ha detto padre Saint-Félix.

Un’epidemia di colera che ha seguito l’arrivo delle forze di pace dell’ONU dal Nepal e l’uragano Matthew nel 2016 hanno aggiunto ulteriore sofferenza. Ora l’inflazione e la violenza delle bande armate sono aumentate a dismisura, mentre il cibo e il carburante diventano più scarsi in un paese dove il 60% della gente guadagna meno di 2 dollari al giorno.

Padre Saint-Félix teme che il Covid-19 contribuirà ad aumentare una miseria già drammatica. La malattia è circolata ad Haiti, ma “finora abbiamo evitato il peggio”.

Mary Beth Powers, il direttore esecutivo del Catholic Medical Mission Board, teme che la nuova malattia ostacolerà gli sforzi per contenere il Covid-19: “È straziante che un paese che ha affrontato così tante lotte politiche interne e impennate nelle infezioni da coronavirus, sia ora scosso dal brutale assassinio del suo presidente”.

Il CMMB ha una serie di programmi di assistenza sanitaria e di servizi sociali in tutta Haiti, in particolare per le madri e i bambini, e gestisce il Bishop Joseph M. Sullivan Center for Health a Côtes-de-Fer, nella costa sud-orientale di Haiti.

“Mentre lavoriamo insieme alle nostre controparti governative per pianificare la distribuzione della tanto attesa e ancora non confermata consegna dei vaccini, le autorità stanno facendo del loro meglio per mantenere la pace e indagare su questo crimine odioso”. Ma va “oltre l’immaginazione umana trovare vie per occuparsi dei bisogni dei malati quando il personale del CMMB e gli operatori sanitari sono confinati nelle loro case, obbligati ora a chiudersi al loro interno mentre i bisogni critici all’interno delle comunità continuano a crescere”.

Padre Saint-Félix avverte che Haiti è ampiamente impreparata per una grande epidemia di Covid-19. Ufficialmente sono stati 467 i morti ad Haiti a causa del Covid-19 e più di 19.000 casi sono stati confermati; ma con pochi test effetuati, questi numeri rappresentano probabilmente un significativo sotto-conteggio della situazione reale. Haiti deve ancora ricevere una prima distribuzione di vaccini contro il coronavirus.

Il governo, distratto dalla propria autoconservazione negli ultimi mesi, ha fatto poco per rispondere alla minaccia e non esiste un piano di vaccinazione per respingere il Covid-19 – ha detto padre Saint-Félix.

Una battaglia sulla legittimità elettorale del defunto presidente ha portato alla chiusura degli organi legislativi della nazione prima che si potessero tenere nuove elezioni. Con quasi nessun membro del parlamento, nessun sindaco e ora l’assassinio di un presidente che aveva tentato di governare per decreto, gli haitiani affrontano un vasto “vuoto istituzionale e costituzionale”.

Aggrapparsi alla speranza

La Chiesa cattolica “ha perso un po’ della sua importanza e anche un po’ della nostra voce profetica” negli ultimi anni. Ma ora, ha detto padre Saint-Félix, è praticamente l’unica istituzione funzionante nel paese. I suoi servizi sociali, gli sforzi medici ed educativi sono le uniche entità civili su cui gli haitiani in difficoltà possono far conto.

Egli trova speranza nei giovani della nazione “che vorrebbero fare la differenza”, che credono ancora nell’istruzione e hanno sete di cambiamento nonostante tutto quello che hanno vissuto.

“Ci sono molte persone che sono impegnate a fare un cambiamento in questo paese. Sono persone che non vogliono vivere altrove, quindi ogni volta che vedo questo tipo di iniziative che la gente prende ogni giorno, quando vedo persone per le strade che cercano di guadagnarsi da vivere per sé stessi e per le loro famiglie, dico che c’è ancora speranza”.

Il solo fatto che questo paese esista ancora offre una certa speranza, ha aggiunto, “perché tutto cospira verso la scomparsa di questo paese”.

Il padre gesuita è convinto che sotto questo giogo di disordine gli haitiani non siano in grado di risolvere i loro problemi da soli. Ha espresso gratitudine per le molte forme di solidarietà da parte dei membri della diaspora haitiana nel mondo e di altri attori interessati e ha implorato una risposta più vibrante da parte della comunità internazionale, che finora è rimasta a guardare il prevedibile disastro che si è verificato ad Haiti.

“Tutti potevano vedere che questo sarebbe successo. La comunità internazionale poteva vedere il marcio che c’era, eppure non è stato fatto nulla per impedirlo”. Ora “abbiamo bisogno di amici; abbiamo bisogno di alleati; abbiamo bisogno di una grande spinta da parte della comunità internazionale”.

Anche se è stato cauto su un possibile intervento degli Stati Uniti – che storicamente si sono dimostrati pericolosi per Haiti -, crede che molti haitiani accoglierebbero di nuovo le forze di pace dell’ONU, nonostante la loro esperienza dopo il terremoto del 2010. “La gente è stanca dell’insicurezza e potrebbe accogliere un intervento, ma allo stesso tempo sappiamo che questo tipo di aiuto non è sempre l’opzione migliore, perché c’è un prezzo da pagare”.

“È un dilemma”, ha riconosciuto, ma si tratta di un rischio necessario poiché “non ci sono forze per contrastare le bande armate – la polizia è troppo debole e l’esercito è troppo piccolo”.

Con la disoccupazione e la fame che incalzano, i più poveri di Haiti cercano di fuggire nella Repubblica Dominicana e negli Stati Uniti. Nel frattempo, le sue classi professionali e mercantili stanno cercando una via di fuga: “soprattutto a causa dell’insicurezza. Non possono immaginare il loro futuro ad Haiti”.

Questa è una sorta di fuga di cervelli e delle competenze “che a lungo andare crea povertà”.

Ma i gesuiti ad Haiti, impegnati nell’educazione dei poveri, nell’istruzione universitaria, nella formazione spirituale e nella difesa dei migranti, rimarranno, ha insistito: “Vogliamo sicuramente rimanere; vogliamo accompagnare il nostro popolo verso un domani migliore. Questa è la nostra missione e non abbiamo intenzione di rinunciarvi”.

  • Pubblicato da America, rivista dei gesuiti statunitensi (nostra traduzione dall’inglese).
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi