Sud Sudan: verso un governo, forse…

di:

In Sud Sudan, il presidente Salva Kiir e il leader ribelle Riek Machar hanno deciso di formare un governo di unità di transizione. Grazie alle pressioni delle Nazioni Unite, degli Stati Uniti e dei paesi della regione, lo scorso anno Kiir e Machar avevano firmato un accordo di pace per porre fine alla guerra civile durata cinque anni e avevano accettato di formare un governo di unità entro il 12 novembre.

I due leader avevano poi rinviato la scadenza di 100 giorni, spingendo Washington a fare nuove pressioni, sollevando i timori di una ripresa della guerra civile che ha già creato migliaia di morti e decine di migliaia di profughi e rifugiati.

Ieri è arrivata la risposta di Mache e Kiir: «Abbiamo detto che dopo 100 giorni avremmo formato un governo di unità nazionale. Anche se non riusciremo a siglare tutti gli accordi preliminari necessari, formeremo ugualmente un governo di transizione di unità nazionale». «Il cessate il fuoco – hanno aggiunto – continuerà e nessuno di noi è disposto a riaccendere la guerra».

Nonostante queste dichiarazioni di principio, rimangono insoluti alcuni punti-chiave. In particolare l’integrazione delle diverse milizie in un unico esercito nazionale e il numero di province in cui il paese, creato nel 2011, deve essere suddiviso. «Abbiamo parlato del numero di stati e dei loro confini, ma non abbiamo ancora raggiunto un’intesa», ha detto Machar.

Lunedì gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a due alti funzionari del Sud Sudan per il loro ruolo nel perpetuare il conflitto e hanno dichiarato di essere pronti a imporre altre misure a chiunque cerchi di far deragliare il processo di pace.

«Tutti sanno cosa bisogna fare. Dev’essere presto raggiunta una soluzione al problema degli Stati. Non ci sono alternative. E misureremo di conseguenza le nostre reazioni», ha affermato il rappresentante speciale dell’Ue per il Corno d’Africa, Alexander Rondos.

Informazione ripresa dalla rivista missionaria dei padri bianchi Africa.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi