Laicato e consigli evangelici

di:

Nei miei corsi biblico-teologici mi capita di incontrare anche laici/e aderenti a istituti secolari, a terzi ordini o gruppi e movimenti simili.

Mi sono chiesto: se è vero – e se lo sia lo domando perché non sono competente pur con qualche informazione  – che loro intento è di vivere il vangelo nella normale esistenza del laico e delle realtà secolari, ha un gran senso che venga esclusa anche tra loro e non solo tra preti e monaci una realtà umana e cristiana così importante come il matrimonio e la famiglia?

Ho posto la questione una volta a un responsabile di un istituto secolare: nessuna risposta, anzi il dialogo s’è del tutto interrotto.

Di solito – anche in discorsi magisteriali – si dice che pure quei laici/e si impegnano a vivere i cosiddetti consigli evangelici. Ma che cosa vuol dire? Castità, povertà e obbedienza per sé sono valori, doveri e vocazioni per tutti i cristiani; specifica è solo la maniera di vivere quei valori nel concreto della propria esistenza/vocazione: castità matrimoniale o verginale, povertà globale o relativa, carità in autonomia o in obbedienza anche a un’autorità umana precisa.

Solo queste precise modalità si possono chiamare consigli evangelici, anche se ciò andrebbe dimostrato. I valori invece fondamentali che le reggono non sono consigli ma vocazioni comuni per tutti i discepoli di Cristo.

Mi sembra quindi che una maggior chiarezza anche terminologica possa giovare a tutti. O no?  E quindi anche a rispondere alla mia questione di inizio.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi