Seminari sì o seminari no?

di:

formazione nei seminariI seminari minori sono «inutili pensieri di vescovi nostalgici?». È partito da questa provocazione il confronto sul tema della formazione nei seminari, minori e maggiori, animato dal rettore del Seminario vescovile di Padova, don Giampaolo Dianin, e dal direttore dell’Istituto superiore di scienze religiose, don Livio Tonello.

L’occasione è stata la presentazione, il 25 maggio a Padova, di due volumi della collana editoriale Sophia della Facoltà teologica del Triveneto: Gianni Magrin, Il seminario minore: una sfida educativa per la Chiesa italiana (Emp-Fttr, Padova 2016), e Roberto Reggi, Pedagogia delle vocazioni presbiterali. Analisi socio-psicopedagogica di terreno buono e spine vocazionali dei seminaristi maggiori diocesani (Emp-Fttr, Padova 2016).

«I seminari minori non sono scomparsi – ha esordito Tonello –; c’è una rinascita, una forma nuova di ricomposizione. A fronte di una crisi vocazionale che sembra inarrestabile, almeno in alcune regioni italiane – ha spiegato –, ciò che non è mutato è il concetto di vocazione nella sua radicale essenza, così come lo definisce Balthasar: “L’unico atto col quale un uomo può corrispondere al Dio che si rivela è quello della disponibilità illimitata. Esso è l’unità di fede, speranza e amore”. È mutato però il modo di coltivare l’impulso a seguire Gesù che chiamiamo ancora “vocazione”».

Il seminario, laboratorio di crescita

formazione nei seminariUna parte delle diocesi sta scommettendo su questa proposta, o almeno si sta interrogando in una prospettiva di pastorale giovanile e di formazione alla vita cristiana. Non mancano infatti segnali di novità e di sperimentazione in cui la pastorale vocazionale non ha a che fare solo con il seminario, ma coinvolge la comunità cristiana: «non un settore per gli addetti ai lavori, bensì un laboratorio ecclesiale, dove il seminario minore è il centro e dove si mette in gioco il volto di una Chiesa locale che vuol fare formazione alla vita cristiana».

Vocazione, infatti, non dice solo e immediatamente un riferimento alla consacrazione: esiste una vocazione alla vita che precede ogni chiamata ed è innanzitutto realizzazione della propria singolarità unica e irripetibile. «In questo senso la proposta vocazionale è riconoscimento di sé, della propria vita – afferma Tonello –. L’accompagnamento vocazionale è aiuto alla crescita di un adolescente dentro un orizzonte completo: dimensione umana, spirituale, relazionale, di senso/significato, che si apre alla trascendenza. La chiamata di Dio si inserisce nell’umano. I preti di oggi e di domani devono essere prima di tutto contenti della propria vita e della propria scelta».

In questo senso i seminaristi non sono “preti in miniatura” e il seminario minore non è un “maggiore in miniatura”, ma un laboratorio di crescita a 360 gradi. E la domanda da porre non è “seminario minore sì o seminario minore no?”, ma piuttosto “quale modello educativo?”.

A questo proposito, Tonello riprende le conclusioni del volume di Magrin: è necessario continuare a sviluppare la teologia della vocazione; considerare la proposta vocazionale come un processo per gradi e passaggi successivi di maturazione; valorizzare le scienze umane dentro un orizzonte di fede (principio dell’alleanza educativa); dare spazio a figure formative plurime: famiglie, operatori pastorali, presbiteri, parrocchie, figure nuove come quelle femminili, coppie e laici.

In una Chiesa «che si ri-forma formando» – conclude Tonello – non mancano innovazioni in risposta a questa sfida educativa, e cita alcune esperienze: piccole comunità semiresidenziali per adolescenti; momenti forti mensili realizzati in stretta collaborazione con la pastorale giovanile; esperienze vocazionali periodiche semiresidenziali; la riscoperta del valore del gruppo come luogo imprescindibile entro cui si può maturare una risposta alla vocazione.

Formazione permanente

Il percorso di formazione presbiterale non è solo riempire un vaso, o accendere un fuoco, ma accogliere e far fruttare un seme in un contesto che vede protagonisti il seminarista, i formatori e la grazia.

Da questa visione pedagogica si sviluppa l’analisi sui seminari maggiori fatta da Roberto Reggi per la tesi dottorale discussa alla Facoltà teologica del Triveneto, e sviluppata sullo sfondo del modello di prete conciliare e dentro l’attenzione alla globalità della persona grazie all’aiuto della psicologia.

«Dalla ricerca emerge la difficoltà, ovviamente, di elaborare una figura sintetica, un unico “modello” di prete formato nei seminari – commenta don Giampaolo Dianin –. Le differenze ci sono e sono legate alla storia, alle aree geografiche, alle figure dei formatori, al contesto particolare di ogni diocesi in cui si compongono i diversi ideali sacerdotali: l’imitazione di Cristo; la dimensione umana con le molteplici problematiche collegate (depressione e burnout);  la dimensione spirituale, quella intellettuale con la fatica di affrontare gli studi teologici, quella affettiva con le problematiche dell’omosessualità e della pedofilia; la dimensione pastorale, e poi i temi della povertà, dell’ubbidienza, del sacrificio, della capacità relazionale».

Riconoscere i buoni frutti legati all’introduzione delle scienze umane e la forte attenzione al discernimento e alla valutazione dei candidati, e puntare sullo sviluppo (empowerment) delle potenzialità delle persone e delle comunità, però, non basta.

«La voce degli educatori – spiega Dianin – ci parla del travaglio che stanno attraversando i seminari. Gli educatori sono i primi che vedono le potenzialità ma anche i limiti del modello tridentino di seminario; anche laddove qualcuno ha cercato di modificare qualcosa si trova comunque a fare i conti con strutture che condizionano le scelte educative».

C’è il terreno buono e ci sono le spine che, secondo la parabola evangelica, possono soffocare la pianticella, «ma chi lavora nei seminari sa che ci sono tutti i terreni descritti dalla parabola e che quasi sempre convivono in ogni persona. In questo senso la domanda sull’efficacia formativa è una domanda seria. Oggi c’è la consapevolezza che  il seminario può dare solo una parte di ciò che serve a un prete; il resto è legato alla formazione permanente dentro il ministero».

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Enrico 20 ottobre 2017
  2. Giuseppe 19 giugno 2017
  3. Ringo 9 giugno 2017
  4. Mario Vais 6 giugno 2017

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi