Il sogno dei novelli Icaro

di:

aereo

In un giardinetto dietro casa a Clapham, nel borgo di Lambeth. Sul tetto di un edificio della Kew Road, a Richmond upon Thames. Su un albero del parcheggio di un supermercato per il giardinaggio sulla Manor Road, ancora a Richmond. Su un marciapiede di Mortlake, stesso quartiere. Che cos’hanno in comune questi luoghi di Londra e dintorni? Di trovarsi sotto la rotta battuta da molti aerei di linea che qui cominciano ad aprire i carrelli prima di atterrare a Heathrow. E dai cui vani, ogni tanto, piomba un cadavere. Dell’ultimo, a luglio, si sa solo che “viaggiava” in provenienza da Nairobi. Dopo l’atterraggio, nel vano carrello hanno trovato ancora una bottiglia d’acqua e un po’ di cibo.

Di altri si conoscono nome e origine. Come Carlito Vale, giugno 2015. Era mozambicano di Beira, un orfano di guerra che aveva provato a farsi una vita dapprima in Uganda e poi in Sudafrica. Poi tenta il grande salto su un volo British Airways che decolla da Johannesburg. L’ultima foto lo ritrae sorridente con la moglie e una t-shirt che reca stampato in grande il sogno: London.

José Matada, settembre 2012. Un altro mozambicano, partito però da Luanda. In tasca gli troveranno solo una sterlina e una moneta del Botswana. Era il giorno del suo 26° compleanno. Non solo Africa: nel luglio 2011 aveva conosciuto la stessa fine Mohammed Ayaz, 21 anni, pachistano. Si era “imbarcato” in Bahrein. E di storie simili ce ne sono altre.

Davanti a casi come questi, estremi, numericamente pochi ma emblematici, si possono fare tante considerazioni, anche di segno diverso. A ciascuno di fare la propria riflessione. Personalmente mi domando in quali percentuali siano presenti – nel mix di motivazioni di questi novelli Icaro – la sottovalutazione del rischio, la disperazione, la determinazione. Certo questi “passeggeri” sono in ogni caso l’immagine più plastica, e tragica, di un sogno irrinunciabile. Uno di loro, “Youssoup” Matada, era stato al servizio di una donna svizzera quando questa abitava in Sudafrica. A lei, nel frattempo rientrata nel suo Paese, aveva confidato via sms l’intenzione di «viaggiare verso l’Europa in cerca di una vita migliore». Ma senza rivelare tempi e modalità della sua emigrazione. È stata poi la signora a riconoscere Youssoup: dal tatuaggio su un braccio.

Qui vogliamo solo aggiungere un altro episodio, il primo noto della serie, che molti avranno ancora in mente e che accadde esattamente vent’anni fa. Allora commosse il mondo, oggi chissà. Ai due adolescenti guineani che furono trovati assiderati a Bruxelles, sempre in un vano carrello, è stato dedicato un film (Il sole dentro di Paolo Bianchini) e, ultimamente, il bel libro di Marco Sonseri Yaguine e Fodé (ed. Buk Buk). Portavano con sé una struggente lettera a «Loro eccellenze i signori membri e responsabili dell’Europa» nella quale, scusandosi «moltissimo» per «aver osato scrivervi questa lettera in quanto voi siete degli adulti a cui noi dobbiamo molto rispetto», non dimenticavano di dire che «se vedete che ci sacrifichiamo e rischiamo la vita, è perché soffriamo troppo in Africa e abbiamo bisogno di voi per lottare contro la povertà e mettere fine alla guerra in Africa. Ciò nonostante noi vogliamo studiare, e noi vi chiediamo di aiutarci a studiare per essere come voi in Africa». Con ingenua captatio benevelontiae, si appellavano «alla vostra solidarietà e alla vostra gentilezza». Avrebbero usato le stesse parole, vent’anni dopo?

Rivista Africa, 2 settembre 2019.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi