Giovani suore: il senso quotidiano di una vocazione

di:
giovani

La comunità delle suore presso la Immaculata University

Quando mi prendo un momento per pensare veramente al fatto che sono una religiosa, una suora, sono colpita da un senso di meraviglia. Come ha fatto una cucciola cattolica nata nei primi anni ’80 nei sobborghi di Washington, che aveva un matrimonio da sogno pianificato all’età di 8 anni, a diventare una suora del Cuore Immacolato di Maria?

La mia storia è iniziata in una tipica famiglia cattolica irlandese. Io e i miei fratelli passavamo le nostre giornate facendo la spola tra le lezioni di catechismo, le riunioni degli scout, le lezioni di danza irlandese e gli allenamenti di calcio. A parte nostra zia Peg, una Suora della Misericordia, la nostra infanzia è stata in gran parte priva di “suore”. Eppure, i film di “Sister Act” erano un punto fermo delle nostre serate di cinema in famiglia, e a volte mi chiedo se questo non fosse un segno che inizialmente mi era sfuggito.

Il mio primo sentore di una vocazione religiosa si è verificato quando ero in quinta elementare, l’unico anno in cui ho frequentato una scuola cattolica. Stavo andando all’intervallo e vidi la mia preside – una suora che cercavo di evitare a causa delle mie numerose violazioni dell’uniforme – camminare verso di me, e improvvisamente ebbi la sensazione che un giorno sarei stata “come lei”.

Il mio discernimento vocazionale iniziò seriamente quando mi iscrissi all’Immaculata College (ora Immaculata University) in Pennsylvania. A quel tempo c’erano circa 50 sorelle del Cuore Immacolato di Maria nella facoltà, e fui colpita dalla loro gioia e da ciò che arrivai a chiamare la loro “santa normalità”. Queste donne, ovviamente di preghiera, facevano il tifo alle partite di basket, ridevano fragorosamente in mensa e chiamavano le cose con il loro nome. Ho scoperto che il mio fascino per le sorelle ha lasciato il posto al sogno ad occhi aperti di diventare una di loro.

Ma è stato un viaggio di missione a Callao, in Perù, che ha suggellato le cose. Durante il periodo in cui lavoravo in una scuola femminile e mi occupavo della comunità circostante, ero con delle suore che spesso parlavano della loro vocazione nella vocazione. A quel tempo, mi chiedevo se avrei mai avuto un senso così specifico dello scopo e della missione. Ma ora ce l’ho, e mi aiuta a inserirmi in una comunità che è composta per la stragrande maggioranza da sorelle che hanno l’età dei miei genitori o più vecchie.

Attualmente, vivo con 27 sorelle, e andiamo dai 40 agli 80 anni e rotti. A volte il divario di età può essere difficile, non solo perché tutti mi chiedono di risolvere i loro problemi tecnologici. Ma può essere più difficile per le sorelle più anziane: non solo devono ascoltare le canzoni della Dave Matthews Band che echeggiano tra le pareti della mia stanza, e il fatto che io dica “sweet” più spesso di quanto sopportano, ma anche il fatto che la mia esperienza vocazionale sia ora così rara rappresenta una perdita per loro.

Le sorelle più anziane pensano alle cose vitali che io non vivo, ma che erano parte integrante della comunità quando loro erano giovani: i grandi gruppi con cui andavano in formazione, un cameratismo nato dall’avere molte sorelle amiche della loro età. A volte vorrei poter avere anch’io queste cose, ma non me le sarei mai aspettate. Questi momenti sono alleviati da una rapida videochiamata o da un messaggio con qualcuno della mia generazione.

La verità è che la nostra realtà di religiose è cambiata e continua a cambiare. Non possiamo cercare di ricreare la vita religiosa degli anni ’50 e ’60 per riempire i nostri ranghi e dare personale alle nostre istituzioni. La vita religiosa è ora permeata dall’intenzionalità – la scelta di entrare, la decisione di rimanere, il discernimento dei ministeri e delle missioni. Nulla può essere dato per scontato, quindi c’è una profonda gratitudine per ciò che è e l’eccitazione per ciò che verrà. Questo è importante da ricordare perché possiamo troppo facilmente e troppo spesso essere distratti da storie sull’invecchiamento delle nostre comunità religiose.

La verità è che stanno accadendo cose meravigliose nelle nostre comunità, perché Dio non ha ancora finito di avere a che fare con noi. Nella mia vita religiosa quotidiana, continuo a essere ispirata dalla gioia e dalla santa normalità delle suore con cui vivo – anche se mi chiedono sempre di aggiustare la televisione.

Laura Teresa Downing è membro delle Suore Serve del Cuore Immacolato di Maria. Ha preso i voti perpetui nel 2009 e serve come direttrice del ministero del campus all’Immaculata University nella cittadina di Immaculata (Pennsylvania).

  • Pubblicato sulla rivista dei gesuiti statunitensi America (nostra traduzione dall’inglese).
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi