Caritas Hellas e Caritas Italiana sui rifugiati

di:
Camminiamo insieme

Camminiamo insieme

Nei giorni 7-9 luglio si è tenuto ad Atene un convegno sul tema «La Grecia, il paradosso europeo, tra le politiche economiche e la crisi dei rifugiati», organizzato da Caritas Hellas e Caritas Italiana, finanziato da quest’ultima.

Hanno partecipato il card. Francesco Montenegro, presidente di Caritas Italiana; mons. Francesco Papamanolis, presidente della Conferenza episcopale greca; mons. Sebastiano Rossolatos, arcivescovo cattolico di Atene; mons. Emmanuel Nin, esarca dei greco-cattolici in Grecia; mons. P. Joseph Bazouzou, esarca degli armeni cattolici in Grecia; p. Antonio  Voutsinos, presidente di Caritas Hellas e il p. Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana. Presenti erano anche Efisio Maras, ambasciatore d’Italia in Grecia; p. Andriopoulos e la sig.a Leontari, in rappresentanza dell’arcidiocesi ortodossa di Atene; la sign.a Paliou, rappresentante della Regione dell’Attica, e il sindaco di Heraklion-Attica Nicala Babalou. I relatori erano Penelope Fountedaki, prof.ssa di Diritto costituzionale all’Università Panteion di Atene, ed il giornalista G. Kapopoulos.

Lo scopo del convegno era duplice: rafforzare i legami fraterni tra Caritas Hellas e Caritas Italiana e le rispettive province ecclesiastiche, inaugurati con il gemellaggio delle due Caritas nazionali, e presentare il Primo rapporto sulla povertà elaborato da Caritas Hellas, dopo una meticolosa raccolta di dati durata due anni.

I dati sono stati elaborati appoggiandosi al database OsRoWeb, per il quale Caritas Italiana ha concesso gratuitamente uso e diritti a Caritas Hellas. I servizi sociali di Caritas Hellas e volontari certificati della Caritas in tutte le province ecclesiastiche della Grecia hanno raccolto i dati, molto utili al di là del valore statistico, che rivelano e aiutano a comprendere le cause dei problemi di coloro che hanno cercato l’aiuto della Caritas. Analizzandoli, si possono trovare i modi migliori per venire incontro alle esigenze di sopravvivenza e di sostentamento di tutti coloro che si sono rivolti per aiuto ai servizi Caritas nel nostro paese.

Nel suo discorso di benvenuto, mons. Papamanolis ha sottolineato che l’ondata dei profughi dall’Oriente è stato così improvviso e imponente da cogliere tutti di sorpresa e andava oltre le possibilità della Chiesa cattolica con la sua Caritas di offrire un aiuto effettivo, ancorché essenziale, a questo problema nazionale. Fortunatamente Caritas Hellas ha trovato un aiuto sollecito dalle Caritas europee e USA. Il presidente di Caritas Hellas, p. Antonio Vutsinos, ha posto l’accento sul fatto che povero è chiunque abbia perso la sua dignità di persona umana.

I lavori

I lavori sono proseguiti con l’intervento della sociologa Penelope Founteli «Le ricadute sociali della crisi economica e dei profughi in Grecia» e il tema «Gli aspetti economici e politici della crisi in Grecia e dei migranti/profughi», presentato dal giornalista Giorgio Kapopoulos.

Il Primo rapporto sulla povertà di Caritas Hellas è stato illustrato dall’assistente sociale e responsabile per le politiche sociali di Caritas Hellas e da Walter Nanni, responsabile delle ricerche di Caritas Italiana.

Infine, del Dossier sulla crisi sociale economica e migratoria in Grecia, Italia e Europa hanno parlato Paolo Beccegato, vicedirettore di Caritas Italiana, e Chiara Bottazzi, responsabile delle relazioni pubbliche della stessa.

Per l’occasione, i partecipanti hanno visitato alcune opere di Caritas Hellas, Caritas Atene e degli armeni cattolici di Atene: il Centro diurno di Caritas Atene – dove i profughi e gli emigrati possono farsi una doccia, pranzare e nutrire adeguatamente i loro figli, avere abiti puliti, procurarsi articoli per la pulizia personale, avere a disposizione un computer per comunicare con il loro parenti e consultare l’assistente sociale –, il Centro di sostegno sociale di Caritas Hellas e uno dei due alberghi affittati da Caritas Hellas per il programma «Un domicilio sicuro per i profughi». Sono stati inoltre inaugurati e benedetti i centri di ascolto di Caritas Atene e della Caritas degli armeni cattolici, entrambi finanziati da Caritas Italiana, ai quali può rivolgersi chiunque voglia trovare un supporto psicologico e sociale.

Il secondo giorno di lavori è stato coronato dalla celebrazione della Divina liturgia nel cortile della chiesa degli armeni cattolici e dalla cena comune con famiglie greche e di profughi siriani.

Il terzo giorno si sono tenuti alcuni workshop su «micro-progetti» e su «solidarietà e gemellaggi». Questi gruppi avevano lo scopo di fornire alle due Caritas nazionali nuove idee di intervento e modalità per affrontare le questioni di comune interesse per i due campi d’azione della Caritas.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi