Attenzione della Santa Sede per il Belgio

di:

Ho chiesto a mons. Luc Van Looy, vescovo di Gent, come spiega l’attenzione della Santa Sede nei confronti del Belgio.

«La mia percezione dell’attenzione del papa e della Santa Sede si collega con il fine mandato del nunzio  Giacinto Belloco, che  ha vissuto la tragedia della pedofilia in Belgio e i problemi  seri che si sono succeduti.

Il periodo  dal 2011 ad oggi è stato difficile, e  non vuol dire che tutto sia passato. Il fatto che per la diocesi di Bruges  la nomina sia stata  difficile, di lungo discernimento, ha certamente affrettato le decisioni che sono state prese. Per esempio: non conveniva che due diocesi limitrofe rimanessero per un tempo lungo senza vescovo.

Per quanto riguarda la diocesi di Bruges,  non si è trovata  subito e presto una successione. Quindi per Gent è prevalsa la decisione di lasciarmi  ancora per un paio d’anni. Così mi pare di poter capire.

Poi, la nomina  a  cardinale di De Kesel, arcivescovo di Bruxelles- Malines, potrebbe avere a che fare con la volontà di  normalizzare la situazione della Chiesa che è in Belgio. Il fatto che De Kesel abbia  vissuto  cinque anni della difficile successione a Bruges gli ha certamente attirato molta fiducia e stima.

C’è  inoltre il fatto che avevamo bisogno di un nuovo nunzio,  che  pure è stato nominato la settimana scorsa.

Coincidenze che hanno fatto sì che Roma  aprisse un occhio benevolo sulla Chiesa che è in Belgio».

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi