Polonia: stato di diritto goodbye

di:

stato di diritto

È appropriato parlare del sistema giudiziario in Polonia oggi? Risponderò con un’altra domanda: se la Russia avesse tribunali indipendenti e rispettasse lo stato di diritto, sarebbe governata da un criminale e avrebbe attaccato l’Ucraina?

Non si dovrebbe discutere dei principi e dei valori fondamentali. Dovrebbero semplicemente essere osservati, rispettati e custoditi. I valori comuni ci fanno pensare, sentire e agire allo stesso modo. L’universalità di questi principi, la loro ovvietà, costruisce la nostra comunità e così diventiamo forti. Solo insieme possiamo resistere efficacemente al male. Sono consapevole del fatto che questo suona come una cosa scontata. Ma i principi e i valori – perché sono semplici, ovvi e spesso anche banali – non cessano di essere gli indicatori più importanti per il nostro comportamento e le scelte che facciamo.

Winston Smith, il personaggio di “Nineteen Eighty-Four” di Georg Orwell, dice: “La libertà è il diritto di dire che due più due fa quattro. Il resto ne consegue”. Oggi, parafrasando le sue parole, possiamo dire che lo stato di diritto è uguale a pace e libertà. Il resto ne deriva. Lo stato di diritto e una magistratura indipendente sono le basi su cui si fonda l’Europa unita.

Nel luglio 2021, la Commissione europea ha sospeso l’approvazione del piano di ripresa nazionale per la Polonia. Il motivo è stato l’attacco politico al sistema giudiziario polacco: la distruzione della Corte costituzionale, la politicizzazione del Consiglio nazionale della magistratura, le attività della cosiddetta Camera disciplinare della Corte suprema e l’intero sistema di responsabilità disciplinare dei giudici, che viene utilizzato per perseguire i giudici in caso di sentenze “scomode” – comprese le questioni pregiudiziali alla Corte di giustizia dell’UE.

Inoltre, il governo PiS non rispetta più le sentenze delle corti europee. Ad oggi, le sanzioni imposte alla Polonia per il mancato rispetto della decisione della CGUE sulle misure provvisorie nel caso (C-204/21) riguardante il sistema disciplinare dei giudici in Polonia ammontano a 135.000.000 euro.

Quasi sei mesi fa, IUSTITIA, la più grande associazione giudiziaria in Polonia, ha presentato un pacchetto di modifiche legislative proposte per ripristinare lo stato di diritto in Polonia. Queste proposte sono state sostenute dalla società civile polacca, dalla comunità giuridica e dalla maggioranza dell’opposizione democratica. Le soluzioni presentate non solo soddisfano gli standard definiti dalle sentenze della CGUE e della Corte europea dei diritti dell’uomo, ma si riferiscono semplicemente alle regole di base che funzionano in ogni stato civile.

Purtroppo, queste proposte non sono state accolte con interesse. Al contrario, i politici hanno espresso idee che non hanno nulla a che fare con una vera riforma del sistema giudiziario. I cambiamenti proposti da questi al potere sono solo illusori.

Un esempio eloquente è l’idea del presidente della Repubblica di Polonia. Andrzej Duda, “riferendosi” alle sentenze della CGUE, ha accettato di abolire la cosiddetta Camera disciplinare, mentre propone di creare una Camera della responsabilità professionale. È un tipico cambiamento di facciata. Dal punto di vista dello stato di diritto, non importa se qualcosa si chiama Ministero della Verità, Ministero della Pace o Ministero della Carità. L’unica questione è se abbiamo davvero a che fare con un tribunale indipendente e con giudici indipendenti.

Le vere intenzioni di coloro che sono al potere sono dimostrate soprattutto dalle loro azioni. All’ombra dell’aggressione all’Ucraina, la distruzione del sistema giudiziario polacco continua. Sempre più giudici polacchi vengono sospesi per aver rispettato il diritto europeo, i politici lanciano di nuovo il Consiglio neo-giudiziario e la cosiddetta Camera disciplinare lavora a pieno ritmo. L’ultima “sentenza” della Corte costituzionale presieduta da Julia Przyłębska è diventata un simbolo della “putinizzazione” del sistema giudiziario polacco.

Il 10 marzo, la Corte costituzionale, su ordine del procuratore generale Zbigniew Ziobro, ha dichiarato che l’Art. 6 sec. 1 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo è incompatibile con la Costituzione polacca. Solo come promemoria: l’articolo 6 della Convenzione europea riguarda il diritto a un processo equo. Garantisce a tutti il diritto a un processo equo davanti a un tribunale indipendente e imparziale stabilito dalla legge.

La mozione del procuratore generale è stata una reazione alle sentenze emesse recentemente dalla Corte europea dei diritti dell’uomo in cui è stata esposta la distruzione dello stato di diritto e della magistratura indipendente in Polonia. La decisione sull’incostituzionalità della disposizione è stata emessa da un panel di cinque giudici della Corte costituzionale, presieduto dall’ex deputato del PiS e procuratore dei tempi comunisti Stanisław Piotrowicz.

Il panel era composto solo da persone elette alla Corte costituzionale dal PiS, compreso il cosiddetto “giudice doppio” Mariusz Muszyński. L’udienza ha avuto luogo alcuni giorni dopo l’attacco della Russia all’Ucraina. Come risultato, la Polonia è diventata il secondo paese del Consiglio d’Europa – insieme alla Russia (che è andata oltre i limiti del sistema di protezione dei diritti umani di Strasburgo) – dove la forza vincolante della Convenzione europea e la validità delle sentenze della Corte europea dei diritti umani è stata ufficialmente messa in discussione. La Corte polacca ha agito come fatto in precedenza da quella della Federazione Russa.

Continua la guerra crudele contro l’Ucraina. Voglio credere che, a causa di questo, sono i fatti che contano per la Commissione europea: non parole vuote e dichiarazioni ingannevoli. Lottare per i principi e i valori non è una vergogna. È una vergogna scambiarli, fare falsi compromessi e scegliere una pace illusoria. Vale sempre la pena ricordare che tollerare il male si trasforma sempre in crimine.

  • Pubblicato sul sito di diritto costituzionale Verfassungsblog (nostra traduzione dall’inglese).
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi