Covid-19 in India, la catastrofe annunciata

di:

In Occidente si fatica a comprendere quanto sta accadendo a New Delhi: la nuova ondata della pandemia sta assumendo proporzioni che sono quelle di un Paese da quasi 1,4 miliardi di abitanti. E da Mumbai si è estesa a tutto il subcontinente. Con ripercussioni anche internazionali per via del blocco delle esportazioni di vaccini per i Paesi del Sud del mondo, che dall’India avrebbero dovuto rifornirsi secondo il programma Covax.

india covid

La seconda ondata della pandemia di Covid-19 sta spazzando l’India. Temuta ma non inattesa dopo un anno di restrizioni severe ma anche di una diffusione a zone che ha consentito a diverse regioni un’esistenza quasi normale. Mentre molte altre hanno sofferto vittime e maggiore povertà, aggravando soprattutto la condizioni dei numerosi indiani già al limite o sotto la soglia dell’indigenza. Se la prima fase, aveva visto un numero relativamente basso di contagi, ricoveri e decessi, in questa seconda bollettini giorno dopo giorno stanno assumendo dimensioni proporzionali a un Paese la cui popolazione si avvicina a 1,4 miliardi di abitanti.

Ieri i decessi giornalieri hanno superato quota 1500 portando il dato complessivo oltre quota 175mila (erano stati 149mila nel 2020). Sono circa un terzo delle morti degli Usa e la metà di quelle del Brasile; ma a impressionare è la progressione senza precedenti al mondo fatta registrare nelle ultime due settimane, che ha già portato l’India a superare di slancio il Brasile quanto a numero di contagi, salendo a quota 14,5 milioni di casi (erano ancora 10,2 milioni all’inizio dell’anno).

Particolarmente colpita la capitale New Delhi, con 24mila nuovi contagi nella giornata di sabato 17 aprile, seguita a ruota dall’Uttar Pradesh, il più popoloso Stato dell’India dove i contagi sono stati 19mila. Un risultato che è anche frutto della difficoltà di gestione sanitaria dell’emergenza. Ospedali e cliniche sono oltre il limite e l’appello lanciato dal governo locale a ogni istituzione in grado di accogliere pazienti e di mettere a disposizione personale sanitario è significativo.

Si registra anche un cambiamento significativo nella tendenze del contagio. Per mesi Mumbai, capitale finanziaria e commerciale del Paese – ma anche calamita per i poveri che vi affluiscono dall’entroterra rurale dell’India centrale – aveva visto il record di contagi, pazienti e vittime in rapporto alla popolazione, con milioni di poveri urbani e una folta popolazione immigrata tra le prime vittime. Nei giorni scorsi, invece, è stata Ahmedabad – città di 3,5 milioni di abitanti nel Gujarat, stato di nascita del primo ministro, il nazionalista Narendra Modi – a registrare il record dei decessi in percentuale sugli abitanti. Da sola, con 5.000 morti, ha raggiunto la metà delle vittime dell’intero Gujarat. Questo segnalerebbe che la pandemia è ormai diffusa ben oltre le aree e i gruppi di popolazione considerati più a rischio.

La situazione è di emergenza su due fronti. Su quello interno per la difficoltà di gestione e le potenzialità negative che una diffusione incontrollata del contagio può produrre sull’economia con le forti ripercussioni sociali e di ordine pubblico. Ma c’è anche il fronte esterno perché l’India – in condizioni normali il maggior produttore mondiale di vaccini – ha giù chiuso le porte all’esportazione di milioni di dosi, a partire da quelle AstraZeneca prodotte nei suoi laboratori. Alla ricerca di almeno 70 milioni di dosi/mese, ha destinato l’intera produzione nazionale a uso interno, allontanando così la possibilità di una immunizzazione almeno parziale della popolazione di 92 paesi in via di sviluppo attraverso la sua partecipazione al programma internazionale Covax a cui avrebbe garantito l’80 per cento delle dosi necessarie. Il blocco è stato esteso anche a farmaci utilizzati per curare manifestazioni acute del contagio, come il Ramdesivir, Acyclovir e Paracetamolo

Forti le polemiche alimentate dalla situazione. Quelle politiche, rivolte alle scelte strategiche del governo centrale e di quelli locali, spesso non coordinate o poco efficaci; quelle di attivisti ed esperti critici di scelte che nel recente passato hanno privilegiato l’industria farmaceutica privata rispetto a quella pubblica e quindi una maggiore dipendenza da produzioni commerciali rispetto a quelle di utilità pubblica, essenziali in un Paese dalle caratteristiche dell’India e per lungo tempo centrali nelle politiche statali.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi