Myanmar: “Cogliete questa opportunità!”

di:

religioni pace

13 luglio 2020

Siamo stanchi della guerra, logorati dalle inimicizie. La guerra disonora tutti. Perché i conflitti del Myanmar non finiscono mai? Dove sta la responsabilità? Naturalmente si può accusare la belligeranza della Tatmadaw, anche la sua ostinazione nel rifiutare un cessate il fuoco totale per permettere alla nazione di affrontare la pandemia.

Si può deplorare la debole autorità del governo civile, o la mancanza di un giusto processo nel sistema giudiziario. Si può accusare i leader etnici e i truffatori che traggono troppi benefici dal commercio di giada o di droga per desistere. Si può deplorare che noi leader religiosi siamo troppo timidi nel protestare contro l’ingiustizia.

Ma con questo messaggio, in previsione di importanti elezioni nazionali e della Conferenza di Panglong del XXI secolo, ci rivolgiamo direttamente a tutti i leader del Myanmar e ai nostri colleghi leader religiosi affinché si ascoltino l’uno con l’altro e si decidano a cercare il bene di tutti.

Un’opportunità d’oro ci viene ora offerta nelle nuove condizioni e nelle nuove sfide del nostro mondo. Esortiamo tutti a cogliere questo momento. Il Myanmar è coinvolto in una triplice crisi globale. Un piccolo agente patogeno ha fermato l’umanità. La natura è arrestata. Il Coronavirus ci dà la possibilità di prendere nuove strade.

In secondo luogo, le minacce ambientali mettono tutti a rischio. Il Myanmar è uno dei cinque Paesi più colpiti dal cambiamento climatico di questo secolo.

In terzo luogo, un conflitto globale rivela quanto siano importanti le relazioni tra le razze. Nonostante la bellezza della diversità, il popolo del Myanmar si aggrappa alla follia di ipotizzare una classifica in base alle differenze etniche.

Cosa possiamo fare di diverso invece di tornare a divisioni insensate? Quale futuro vogliamo per i nostri giovani? Per decenni non hanno avuto alcuna opportunità in patria e sono andati all’estero a milioni, a lavorare come schiavi. Come possiamo promettere un futuro e dare salute, beneficio e dignità al nostro popolo? Con quale coraggio e creatività possiamo rivendicare il nostro diritto al rispetto, all’uguaglianza, alla prosperità sostenibile e alla pace duratura per il Myanmar?

Il Myanmar è circondato da molti vicini. Essi vedono le ricchezze del nostro paese, il nostro oro, il teak e la giada, i nostri generosi fiumi e le nostre foreste incontaminate. Quando combattiamo gli uni contro gli altri, ci distraiamo, la nostra terra viene devastata, i nostri giovani vengono distrutti dalle droghe stimolanti che creano dipendenza, e migliaia di giovani donne e uomini lasciano il loro paese solo per perdere la loro dignità e la loro vita.

Anche la settimana scorsa centinaia di giovani minatori di giada sono stati sepolti in tombe acquose, mentre gli stranieri scappano con le nostre ricchezze. Quando combattiamo mettiamo i nostri giovani in ostilità con i loro fratelli. Le loro vite e le loro membra sono spezzate, le madri piangono e le giovani mogli diventano vedove. È tempo di fermarsi.

La strategia dei colonizzatori era quella di dividere e governare. Non lasciamoci ingannare di nuovo. Per costruire una nazione non dobbiamo temere la differenza, ma piuttosto imparare a negoziare, a scendere a compromessi, a dialogare e a gioire di ciò che siamo. Quando eleggiamo un governo civile, non scegliamo chi ha autorità nella nostra nazione? La democrazia non è il nostro obiettivo nelle elezioni?

Gli accordi di pace che firmiamo sono inconsistenti. Possono mettere in pausa i combattimenti, ma le foreste sono ancora saccheggiate. Le ricchezze preziose sono ancora prese dal nostro suolo e rubate alle generazioni future. Andate più a fondo nelle vostre trattative! Non proteggiamo i diritti dei nostri poveri quando facciamo come gli aggressori. Commerciare con i ladri significa trattare con la morte. Vi supplichiamo, scegliete il percorso in salita del “nuovo”, non quello in discesa della “cassaforte”. Affrontate i vostri nemici con la verità. Lavorate per convincerli che la pace è anche nel loro interesse.

Investite nella speranza. Preparatevi per il mondo futuro dopo la pandemia. Ascoltate le grida della Madre Terra. Rispettatevi l’un l’altro. Incoraggiate i nostri giovani a studiare. L’Asia e il mondo avranno bisogno di ciò che il Myanmar può offrire alle generazioni future. Le nostre culture sono tesori, costruiti nel corso dei secoli. Le foreste del Myanmar sono i polmoni dell’Asia. I nostri indigeni sanno come conservarle. Le risaie del Myanmar sono la risaia dell’Asia. I nostri contadini meritano una giusta ricompensa. I giovani del Myanmar sono i costruttori di pace di domani dell’ASEAN. Preparateli bene.

Il popolo buddista, cristiano e musulmano del Myanmar, con i leader etnici e comunitari, può vivere il messaggio che il mondo desidera sentire. Quando smaschereremo l’insincerità, ci ascolteremo a vicenda e guarderemo in armonia al futuro, promuoveremo un mondo che sia pacifico, giusto e inclusivo. Allora il Myanmar sarà un membro orgoglioso della famiglia delle nazioni.

Il popolo del Myanmar merita la pace, non una guerra senza fine. Non ci può essere pace senza giustizia. Non può esserci giustizia senza verità. Lasciamo che un nuovo Myanmar di speranza, pace e prosperità sorga mentre marciamo verso l’obiettivo della democrazia attraverso le elezioni.

Cogliete questa opportunità!

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi