Affettività e cultura del “gender”

di:

Sviluppo dell’affettività e cultura del «genere»Educazione di genere e identità di genere sono espressioni che stanno entrando nell’uso comune, grazie anche ad alcuni recenti casi mediatici verificatisi nel panorama scolastico ed editoriale italiano ed europeo. Ma di quale genere si parla? E come coinvolge l’identità della persona e l’educazione all’affettività? Quale significato può assumere in relazione alla sessualità umana? Si tratta di una scelta, di una condizione naturale o di un’imposizione sociale?
Il libro raccoglie i risultati del seminario di studi organizzato dal Servizio per il progetto culturale della CEI, dall’Istituto Veritatis Splendor di Bologna e dall’IPSSER (Istituto Petroniano Studi Sociali Emilia-Romagna) per indagare sul rapporto tra la cultura del “genere” e l’educazione dei giovani e dei bambini. Il taglio dei contributi, affidati a esperti della materia, è dunque prevalentemente pedagogico, completando così il precedente volume dedicato a Natura e cultura nella questione del genere (EDB, Bologna 2015).
Il tema, di stretta attualità, coinvolge gli educatori, i pedagogisti e i responsabili delle politiche educative, ma riveste un interesse generale per le ricadute che le scelte politico-pedagogiche hanno sui bambini e sulle famiglie. Oggi la corrente culturale del gender contesta alcuni stereotipi sociali connessi con il genere maschile e femminile e sostiene la legittimità di altri generi, che rappresentano delle varianti e possono essere connessi a condizioni particolari dal punto di vista biologico o psicologico. Si afferma così una distinzione tra identità di genere e sesso biologico e si rivendica a ciascun individuo la scelta dell’identità di genere che vuole avere. Anche l’idea di orientamento sessuale si presta a ogni interpretazione soggettiva, tanto che il range si fa amplissimo e su Facebook si contano fino a 55 varianti diverse. Quanto contano, in tutto ciò, i condizionamenti ambientali, culturali ed educativi? È possibile un’educazione di genere davvero “neutra”? Quanto influisce, nei bambini in età scolare, la domanda di senso “sessuale” sul bisogno di conoscenza di sé?
Un testo per addetti ai lavori, che intende portare su un piano scientifico una riflessione socialmente rilevante ma molto spesso travisata, sui media e nel sentire comune, dalle accese polemiche a sfondo ideologico e politico.

 

Fiorenzo Facchini (a cura di), Sviluppo dell’affettività e cultura del «genere», collana: «Persona e psiche» EDB, Bologna 2016, pp. 160, € 15,00. 9788810809686

 

Indice dei contributi e degli autori

    1. Sessualità e genere – F. Facchini, professore emerito di antropologia, università di Bologna
    2. Origine e sviluppo delle teorie sul gender: una rilettura critica e nuove prospettive – Crespi, professore associato di sociologia dei processi culturali e comunicativi, università di Macerata
    3. Sviluppo, affettività e sessualità fra ricerca identitaria e costruzione del Sé – Confalonieri, dipartimento di psicologia, università cattolica del Sacro Cuore, Milano
    4. Maschile e femminile nella costruzione dell’identità: una lettura pedagogica – T. Moscato, professore ordinario di pedagogia generale, università di Bologna
    5. Educare il bambino all’affettività: esperienze sul campo – Coerezza, pedagogista esperto di scuola dell’infanzia
    6. L’impulso dell’eros e la pienezza umana – Noriega, professore ordinario di teologia morale speciale, Pontificio istituto Giovanni Paolo II, Roma

Note sul curatore

Fiorenzo Facchini, sacerdote, è professore emerito all’Università di Bologna, dove ha ricoperto la cattedra di Antropologia dal 1976 al 2005. Membro di varie Società scientifiche italiane e internazionali, fra cui l’Accademia delle Scienze di Bologna e l’Accademia di Scienze Naturali del Kazakhstan, ha ricevuto il Premio internazionale «Fabio Frassetto» dell’Accademia dei Lincei nel 2002 e il Premio Sefir nel 2008. Per EDB ha curato Natura e cultura nella questione del Genere (2015).

Acquista Sviluppo dell’affettività e cultura del “genere”

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi