Presidenziali in Mauritania

di: Rivista Africa

Le elezioni presidenziali potrebbero portare a grandi cambiamenti in Mauritania, il vasto paese dell’Africa occidentale, alleato chiave dell’Occidente nella lotta contro le milizie jihadiste nel Sahara. La popolazione sarà chiamata alle urne sabato 22 giugno. L’attuale presidente della Mauritania Mohamad Ould Abdel Aziz, dopo essere salito al potere con un colpo di Stato militare nel 2008 e aver vinto le elezioni nel 2009 e nel 2014, si è dimesso.

È la prima volta dopo anni che i gruppi di opposizione parteciperanno (con qualche chance di vincere) alla corsa presidenziale. Queste elezioni potrebbero quindi sancire la prima transizione pacifica al potere.

Sono in corsa sei candidati, compresi tre che si presentano per la prima volta. Uno, Mohamad Ould Ghazouani, ha il sostegno del presidente Aziz ed è considerato il favorito, in parte perché l’opposizione non è riuscita a trovare un accordo su un solo sfidante.

Mohamad Ould Boubacar è invece ritenuto il candidato più forte dell’opposizione. Tecnocrate di formazione francese, ha trascorso 35 anni nel governo, cinque dei quali come primo ministro. Gode del sostegno di diversi gruppi tra cui il partito islamista Tawassoul – la più potente forza di opposizione in Parlamento. È anche appoggiato dal multi-miliardario in esilio Mohamed Ould Bouamatou, cugino del presidente, che ora sostiene l’opposizione.

A differenza di Ghazouani, che è un generale in pensione, Boubacar non ha esperienza militare e si definisce «candidato per il cambiamento civile». Un altro candidato è Biram Dah Ould Abeid, attivista anti-schiavitù e figlio di un ex schiavo.

Sulle politiche da mettere in atto, nessuno dei candidati dell’opposizione ha posizioni originali. Tutti sono concentrati sulla lotta alla corruzione e sulla riforma dell’istruzione e dell’assistenza sanitaria. Ghazouani, appoggiato dal governo, non è stato toccato dal problema della corruzione e ha promesso di investire in enormi progetti infrastrutturali.

I gruppi delle opposizioni hanno ripetutamente espresso preoccupazione per possibili brogli elettorali. La maggior parte dei membri della commissione elettorale nazionale appartiene a partiti che sostengono  Ghazouani. Le richieste di osservatori stranieri sono state in gran parte ignorate dal governo. Solo l’Unione Europea invierà due esperti, ma dopo le elezioni.

Attualmente sono comunque iscritte al voto 1,5 milioni di persone, meno della metà della popolazione totale. Ci sono anche state richieste per i mauritani che vivono all’estero di avere migliore accesso alle urne (ma sul tema non ci sono state risposte convincenti).

Questa sarà l’elezione con schede stampate da una compagnia mauritana. Tuttavia, i membri dell’opposizione sostengono che l’azienda è di proprietà di imprenditori che hanno raccolto fondi per la campagna di Ghazouani.

Una vittoria per Ghazouani sarebbe considerata una vittoria per lo status quo della Mauritania. Ma se nessuno dei candidati ottiene il 50% dei voti, si andrà al ballottaggio il 6 luglio. Se ciò dovesse accadere, potrebbe indicare che il paese sta assistendo alle sue prime elezioni libere ed eque.

Informazione ripresa dalla rivista missionaria dei padri bianchi Africa.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi