Il Cammino di Santiago in tempi di crisi

di:

santiago

Migliaia e migliaia di persone, soprattutto giovani, soli o in gruppo, hanno percorso i vari “cammini” di Santiago: il cammino inglese, il cammino del nord, il cammino primitivo, il cammino francese, il cammino d’inverno, il cammino dell’argento, il cammino portoghese, il cammino di Finisterre e Muxia. Gente da ogni dove. Cattedrale avvolta nel silenzio o coinvolta in canti e preghiere. Affollate le cappelle laterali per le confessioni nelle varie lingue. Il “fenomeno Santiago” non conosce sosta. Abbiamo chiesto a Miguel Angel Malavia, scrittore, redattore del settimanale Vida Nueva, di darne una valutazione (Francesco Strazzari).

Storicamente, i tempi di convulsione nell’umanità hanno portato con sé, oltre a tanta sofferenza, un tempo eccezionale, che è stato sfruttato da molte persone per porsi le grandi domande esistenziali. Nel nostro presente, segnato da una pandemia che ha scombussolato tutti i nostri schemi di sicurezza, una guerra nel seno dell’Europa e una crisi economica galoppante, molti in Occidente interrompono il ritmo della vita e guardano in alto.

Un buon esempio è ciò che si vive nel Cammino di Santiago, sicuramente il pellegrinaggio con più rilevanza in Europa.

Dopo la sosta forzata a motivo del Covid-19, facciamo i conti con una sorprendente realtà: il 2022 è l’anno nel quale più persone hanno pellegrinato per abbracciare il Santo Apostolo in Santiago de Compostela.

Si è superata la soglia il 21 settembre, quando si sono raggiunte le 347.578 “compostellane” firmate. Fino ad allora, il 2019, prima della pandemia, era stato l’anno dei record.

Una spiegazione è che l’Anno Santo Giacobeo si è prolungato di un anno per le difficoltà di pellegrinare a causa delle restrizioni sanitarie. Però è l’ultima spiegazione… La prima, con tutta certezza, è che la sensibilità per la trascendenza ha trovato spazio in un contesto segnato dall’incertezza.

È molto umano questo atteggiamento di afferrarsi alle radici di ciò che siamo quando sembra che tutto vada a catafascio.

Alcune ore, una settimana, dieci giorni o un mese, percorrendo paesaggi bellissimi, facendo conoscenza di persone di ogni condizione con le quali condividere un sogno e affrontando un’immersione nel silenzio e nello sforzo, lasciando da parte il cellulare che ci tormenta, è un’offerta vitale che non si dimentica. Soprattutto, se si approfitta per mantenere un atteggiamento di apertura al soprannaturale. L’invisibile che ci interpella.

Sia camminando, sia correndo, in bicicletta o a cavallo, se si approfitta dell’opportunità che ci offre il Cammino di Santiago per andare in profondità della spiritualità che ognuno ha e che molte volte è nascosta nella nostra intimità senza saperlo, con una naturalezza che sgorga dall’anima e senza condizionamenti di nessun tipo, genuinamente liberi, autenticamente sé stessi, possiamo avvicinarci ad una intuizione accattivante: la figura di Gesù di Nazaret. Il Dio che si fece uomo per ridere e piangere per e con noi.

Sia benvenuta un’opportunità unica!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi