Papa Francesco, opinioni contrastanti - SettimanaNews

Papa Francesco, opinioni contrastanti

di: Giovanni Giavini

papa francesco

«Ma voi chi dite che io sia?». La domanda può valere anche per papa Francesco, anche se forse a lui personalmente non interessa più di tanto. Per noi invece sì.

Ormai è noto: dopo il plebiscitario entusiasmo del 2013, è subentrato un periodo di perplessità. Per molti egli è ancora affascinante, per altri invece è diventato un po’ irritante.

Tra i primi metto anche quei miei amici e discepoli della terza età che, pur di fronte a varie proposte per corsi culturali futuri, in gran parte optarono per la figura, il pensiero e la prassi dell’attuale papa. Per me la loro scelta fu una sorpresa e un impegno a prepararmi. Programma: dal Vaticano II a papa Francesco.

Rileggerò il concilio come una delle fonti del suo magistero insieme con i papi che lo vollero (Giovanni XXIII e Paolo VI, primo tempo) e in misura varia lo ripresero e anche, a mio parere, più o meno lo frenarono (Paolo VI secondo tempo, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI); altra fonte, la sua biografia e la sua formazione umana, cristiana e gesuitica, la sua azione pastorale in Argentina, per dedicarci poi all’ascolto serio delle sue Evangelii gaudium e Amoris laetitia. Tutto in dialogo con l’uditorio.

Non potrà mancare l’attenzione, da una parte, ai motivi sia dell’amore a questo papa sia delle critiche che si sono sviluppate in questi anni, vuoi a quelle della gente comune magari contraria al suo ripetuto discorso su poveri e migranti, vuoi a quelle più ampie e studiate di teologi, sociologi, catecheti, uomini delle gerarchie cattoliche.

Si tratta di un vasto campo sempre in evoluzione. Basti pensare all’ormai noto libro del sociologo Marco Marzano (La Chiesa immobile. Francesco e la rivoluzione mancata, Laterza 2018; cf. Settimananews, 5 luglio), con le risposte molto preziose e critiche a questo sociologo, tra le altre, di Andrea Grillo (cf. Settimananews, 6 luglio) e di Brunetto Salvarani (cf. Settimananews, 27 aprile e 26 luglio), comparse anche su questa nostra rivista. Voci diverse che arricchiscono il problema e la possibilità di affrontarlo con serietà e globalità.

Si possono anche condividere, almeno in parte, alcune critiche a papa Francesco: minore attenzione alla dottrina cattolica per favorire attenzione alla storia umana attuale da guardare con molta misericordia; troppi discorsi e quindi di vario livello; oscillazione tra il richiamo all’essenziale e momenti di favore alla pietà popolare (Medjugorje compresa); lentezza nelle riforme della curia vaticana e in particolare dello IOR; forte preferenza per gesti molto belli, da una parte, ma esposti al populismo, dall’altra; scelte problematiche di stretti collaboratori; chiusure discutibili o almeno poca chiarezza su problemi come i ministeri anche alle donne o a viri probati, almeno in zone come l’America Latina e l’Africa, e altre tematiche in movimento.

Ma tutto ciò non deve impedire – con buona pace per il già citato Marzano – l’attenzione ad altri aspetti dell’insegnamento, anche dottrinale, e della prassi di papa Francesco. Se ne scoprirebbe – mi sembra – la profonda continuità con il Vaticano II (e, perché no, pure con l’altro gesuita, il cardinale Martini): basta pensare alla collegialità-sinodalità e al richiamo per il cammino di persone e istituzioni umane come la famiglia e i movimenti per la pace e la solidarietà, oltre al cammino ecumenico e interreligioso.

Certo, tutto ciò non piace a molti e getta ombre su di lui; ma chi ne avrà più ragione? Almeno bisogna attendere altri segni dei tempi e dello Spirito, anche perché guidare una Chiesa sparsa in tutto il mondo e nei contesti moderni non è certamente impegno semplice. Il rischio di uno scisma era ed è sempre dietro l’angolo. Non per niente lui stesso ripete: «Pregate per me».

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Un commento

  1. Angela 3 agosto 2018

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi