Capitali europee davanti alla guerra

di:

guerra

Berlino, Parigi e Roma devono inviare tre messaggi chiari per controllare l’inflazione e la volatilità sociale interna. Questo potrebbe anche aiutare Mosca a rinsavire, a fermare la guerra e a ristabilizzare la Russia.

La guerra in Ucraina è ibrida e integrata su molti fronti, probabilmente molto più di tutte le guerre del passato. Pertanto, per affrontarla è necessario considerare i suoi diversi elementi.

La Russia del presidente Vladimir Putin vuole una chiara vittoria militare sul campo, che ancora non ha dopo quasi quattro mesi di combattimenti. Un ostacolo formidabile è rappresentato dalle forniture di armi occidentali agli ucraini, che danno a Kiev mezzi materiali e sostegno psicologico.

Tagliare queste forniture potrebbe dare a Mosca un grande vantaggio. Certo, non sarebbe decisivo perché la determinazione ucraina a combattere fino alla fine è ormai chiara. Ma, in uno scontro di logoramento, in cui i russi non fanno più prigionieri ma radono al suolo città e villaggi per spopolarli, la mancanza o l’abbondanza di artiglieria da entrambe le parti gioca un ruolo decisivo.

Le armi che Putin usa contro queste forniture sono i vecchi semi della discordia in Occidente. L’aumento dei prezzi di gas e cereali porta a un aumento generalizzato del costo della vita in Occidente e rappresenta la realtà dell’inflazione, altrimenti assente da 40 anni. Non sono gli unici elementi – c’è anche la conseguenza della montagna di denaro messa in circolazione durante la crisi di Covid -, ma le crisi del gas e del grano possono essere incendiarie su questi tizzoni.

Questi fenomeni, a loro volta, spingono gli elettori delle democrazie occidentali a chiedersi: perché dover pagare il conto di una guerra in Ucraina che non ci interessa? Il messaggio si diffonde direttamente, attraverso attori, provocatori o persone che la pensano legittimamente. Ma non importa il “come”, ciò che conta è la domanda, legittima e precisa: Perché l’Europa dovrebbe pagare un prezzo per aver aiutato gli ucraini contro i russi?

Chi sta vincendo o perdendo

La risposta nell’Europa ex sovietica, preoccupata dall’avanzata russa verso ovest, è ovvia: per mantenere la nostra libertà. Si combatte a Kiev per non combattere a Varsavia o a Praga. In America, patria del mito della libertà, a migliaia di chilometri di distanza dalle linee del fronte e senza temere la scarsità di energia o di grano, la risposta è altrettanto facile: bisogna fermare il dispotismo dove si può.

Meno ovvia è la risposta dell’Europa occidentale, abituata da 30 anni all’idea che Mosca non sia un pericolo e che gli ex satelliti sovietici possano essere più problematici della Russia stessa.

I russi, infatti, vedono un quadro roseo. Dicono: controlliamo già il 25% del territorio ucraino, che rappresenta il 75% del PIL dell’Ucraina. Gli ucraini perdono 200-500 uomini al giorno e tutto l’equipaggiamento necessario. L’esercito ucraino è demoralizzato e si arrende ogni giorno.

Alcuni occidentali hanno un’opinione molto diversa. I russi hanno riportato oltre 30.000 morti e altre migliaia di feriti, in meno di quattro mesi. Si tratta di un numero di morti ufficiali circa tre volte superiore a quello registrato durante la guerra afghana in nove anni. Inoltre, la popolazione russa è circa la metà di quella dell’URSS. La guerra in Afghanistan ha distrutto l’Unione Sovietica. Ora la Russia è in grado di sostenere il peso della lotta? Sì, la Russia ha cibo e materie prime e potrebbe resistere a un assedio. Ma può davvero farlo? Le persone abituate a un minimo di benessere non sopportano di tornare alla povertà, più che essere da sempre poveri. I russi, negli ultimi 30 anni, hanno migliorato le loro condizioni di vita; sono così disposti a tornare a morire di fame per la patria e la conquista dell’Ucraina?

Gli ucraini perdono di più, certo, ma difendono il loro Paese; i conti poi si fanno in un altro registro. L’Afghanistan è stato distrutto, eppure gli afghani non si sono arresi; non c’è alcun segno evidente che gli ucraini si stiano arrendendo ora.

Certo, la Russia può dipingere la guerra come una lotta contro i corrotti valori occidentali, come l’invasione dell’Afghanistan negli anni ’80 fu per fermare l’avanzata capitalista americana in Asia centrale, ma fomentare un’ideologia, anche se utile, non è sufficiente per vincere una guerra.

Infatti, nonostante tutte le recenti interpretazioni russe della guerra, alcuni risultati politici sono chiari: la NATO è tornata in vita dopo la sua morte di fatto e si sta espandendo con le nuove adesioni dei finlandesi e svedesi; l’UE segue l’America e non le va contro; l’Ucraina gode di un sostegno internazionale maggiore che mai nella sua storia. Sono tutte cose che Mosca voleva evitare invadendo l’Ucraina.

Tuttavia, in questa fase della guerra, quando i prezzi iniziano a salire e Mosca può nutrire false speranze, è necessaria un’ulteriore risposta europea. Altrimenti, partirà la crisi economica in Italia o in Germania inizia, l’Europa esiterà, le forniture militari diminuiranno e le sorti della battaglia in Ucraina cambieranno. In breve tempo, forse, la guerra si estenderà oltre l’Ucraina, mentre l’UE crollerà e perderà la sua razionalità politica.

In realtà, non ci sarà una crisi politica in Europa, causata dalla spaccatura del fronte anti-russo nel vecchio continente. Non c’era all’inizio del conflitto, ed è molto più difficile che ci sia ora, quando la posta in gioco è così alta. Ma le esitazioni, le incertezze e le voci stonate rimbalzano a Mosca e possono creare un senso di falsa fiducia, che a sua volta dà sostegno e respiro alle voci russe per il proseguimento della guerra in Ucraina.

Tornare ai fondamentali

Ecco perché forse è necessario tornare ai fondamentali, con risposte utili a dare una cornice alla situazione.

Il mondo produce più grano di quanto ne abbia bisogno. Paesi come l’Argentina, gli Stati Uniti, il Canada o il Brasile possono da soli sfamare l’intero pianeta. Il problema dipende dal prossimo raccolto e dai tempi di semina, ma ci sono ancora scorte almeno fino alla fine dell’anno.

Certo, tutti sarebbero più contenti se il raccolto ucraino arrivasse sul mercato, ma anche la minaccia di bloccarlo è debole perché la flotta russa è scheletrica e qualche missile potrebbe affondarla. Naturalmente, a quel punto la guerra si inasprirebbe, ma nessuno ha interesse a peggiorare la situazione. Il mondo può gestire la situazione nei prossimi mesi.

Con il gas è più complesso. Anche in questo caso, però, non è una questione di vita o di morte. Nel mondo c’è più gas che acqua minerale, e di fatto quest’ultima costa di più. Il problema è che ce n’è talmente tanto che non si esplorano nuovi giacimenti per paura di abbassare i prezzi. È comodo, però, utilizzare il gas di un tubo costruito decenni fa e che oggi non costa nulla.

Ci vorrebbero da uno a due anni per sostituire le forniture russe con gas proveniente da altre parti del mondo o addirittura dall’Italia. E potrebbe volerci di più se l’Italia e l’Europa decidessero di perseguire una strategia di autonomia energetica e di iniziare a costruire centrali nucleari.

Ma anche qui, anche nel breve periodo, non ci sono problemi ingestibili, sebbene siano seri. Le scorte ci sono e i governi dispongono di misure di approvvigionamento alternative.

La discriminante è il panico, che potrebbe generare, come sta già generando, allarme sui mercati.

Il vero problema è la durata della guerra. Uno scontro frizionale, lento, con la terra bruciata, diventa cruciale non per il fronte ucraino ma per quello italiano, francese o tedesco. Se l’esercito russo non ottiene successi militari sul campo, l’eco dei colpi di cannone risuona in Europa occidentale. Potrebbe scuotere la determinazione a rifornire l’Ucraina e contribuire a sciogliere la matassa in cui Mosca si è cacciata. Questa soluzione, tuttavia, come abbiamo visto, affonderebbe l’Europa sotto Mosca.

Tre messaggi da Roma, Berlino e Parigi
  • La guerra sta finendo. Sta finendo perché la Russia è a corto di uomini. I buriati, gli osseti e i ceceni, ma non i russi, stanno morendo. Non può annunciare una mobilitazione generale che ammetterebbe la sconfitta dell'”operazione speciale”; il fronte interno è più spaccato che in Occidente. La fine arriverà tra un giorno o un anno, ma Mosca non può farcela. La prova è che la Russia ha ancora speranze nelle esitazioni e nelle crisi del fronte occidentale.
  • Tutti vogliono la stabilità della Russia. Una crisi profonda in Russia, come quella di 30 anni con l’URSS, sarebbe molto pericolosa. Non è nell’interesse di nessuno. In questa stabilità russa può esserci o non esserci Putin. Questi sono i fatti per i russi, non per i francesi che fanno il tifo per lui o per gli americani che potrebbero essere contrari.
  • Una soluzione è in vista. Alla luce dei punti 1 e 2, è chiaro che nessuno ha interesse a prolungare una situazione di stallo che logora tutti, soprattutto i russi.

Questi tre messaggi contribuirebbero a calmare i mercati del gas e del grano e quindi anche a far passare il tetto al prezzo del gas, proposto dal primo ministro Mario Draghi, sul quale alcuni europei sono ancora titubanti.

Se ciò accadesse, da un lato, il panico si attenuerebbe. Le speranze russe di una svolta nella guerra svanirebbero e la pace si avvicinerebbe. Si potrebbe ragionevolmente pensare a un orizzonte di qualche settimana o mese per spegnere le fiamme della guerra.

La palla, tuttavia, è forse ora nel campo della vecchia Europa, non in quello di Mosca.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi