Burke: malattia e messa in scena

di:

covid

Dopo aver duramente criticato l’atteggiamento a suo dire supino della Chiesa davanti alle misure prese dagli Stati nel tentativo di contenere la diffusione della pandemia, e dopo aver esternato più volte il suo scetticismo sulla liceità dei vaccini, con un tweet è stato lo stesso cardinal Burke ad annunciare al piccolo mondo della Chiesa cattolica che aveva contratto il Covid.

Il diavoletto un po’ perverso ha cantato baldanzosamente vittoria: ecco cosa succede quando predichi la salvezza dell’anima come cura del corpo – ben ti sta. Ma davanti a una regia comunicativa perfettamente organizzata, anche quel diavoletto ha conosciuto il suo momento di rimorso: il cardinale è stato ricoverato, ed è ottimamente assistito sacramentalmente e dal punto di vista medico; il cardinale è attaccato a un respiratore, ma le sue condizioni sono stabili – sacramento e medici al suo fianco; il cardinale è uscito dalla terapia intensiva ed è sulla via della guarigione… col conforto dei sacramenti.

Diavolo, dice il diavoletto, è pur sempre un essere umano che soffre… forse non dovevo essere così sprezzante quando ha cinguettato della sua malattia. E poi, cavolo, mi hanno proprio fregato – pensa fra sé il diavoletto: ogni comunicato menziona l’assistenza sacramentale, prima, e medica, poi… Così non sapremo mai cosa l’ha preso per i capelli e tenuto in vita…

Quisquiglie di casa cattolica, perché per la stragrande maggioranza del mondo il sacramento non guarisce affatto dal Covid. Tutti miscredenti, ovviamente… E poi – si rinvigorisce il diavoletto – ci sono tanti sacramenti in regioni povere del mondo dove il vaccino, per non parlare di un ospedale degno di questo nome con almeno un briciolo d’ossigeno a disposizione, sono solo un miraggio… e lì muoiono, quindi… o il sacramento funziona in via gerarchica, oppure il cardinale è stato salvato dall’assistenza medica.

Proprietà transitiva e sillogismo, però, sono strumenti che il povero diavoletto può usare al massimo per sé, nel tentativo di evitare di cadere nel più cupo sconforto, ma non fanno battere ciglio a quella parte di cattolicesimo per cui è stata architettata ad arte la strategia comunicativa della malattia del cardinal Burke.

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. Benacus. B 28 agosto 2021
  2. luca roth 27 agosto 2021
    • Tobia 30 agosto 2021
  3. Laura 26 agosto 2021
  4. Francesco Grisorio 25 agosto 2021
  5. Gian Piero 24 agosto 2021
    • Adelmo Li Cauzi 24 agosto 2021
  6. Adelmo Li Cauzi 24 agosto 2021
    • Federico 26 agosto 2021
      • Adelmo Li Cauzi 26 agosto 2021

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi