Cari amici presbiteri…

di:

ministero

…sono abitato interiormente in modo sempre più insistente da un’insopprimibile e incontenibile nostalgia di pensiero alto. Sono desideroso di proposte formative, spirituali, teologiche che non si limitino a descrivere gli inceppamenti del meccanismo uomo, ma additino visioni, prospettive, sogni, utopie.

Abbiamo ricevuto in dono una Notizia strepitosa, il Vangelo. Ritorniamo a farci venire l’acquolina in bocca per questa straordinaria Notizia che trasforma le esistenze e le intride di gioia e potenzialità inedite, come attestano le meravigliose vite, pur limitate ma scintillanti di luce, di quanti lungo la storia del cristianesimo si sono lasciati affascinare dalla parola di Gesù.

Mi manca il Vangelo, mi mancano parole di luce che mi facciano sognare ad occhi aperti, che tengano desto in me il gusto di essere prete. Sento l’amarezza di un palato continuamente costretto ad assaporare pillole acri di devianze, abusi, limiti, fatiche, fragilità. Ho bisogno di gustare gli aromi stuzzicanti della parola del Vangelo che intrecciandosi con la grandezza del pensiero umano è capace di inerpicarsi per i sentieri ardui e avvincenti del Mistero.

Sento struggente il bisogno di parole profetiche e non terapeutiche, di parole calde e non di parole intrise di cautela per timore di rimanere inceppati in meccanismi umani auto-avvolgentisi in pratiche pesudo-liberanti.

Mi accompagna prepotente il desiderio di sentirmi avviluppato in percorsi audaci di riflessione che mi facciano toccare la vetta della contemplazione e non il fondo limaccioso di un’umanità che si rotola nel solito brago.

Voglio sentirmi sedotto da un Dio che non si limita a leggermi la cartella clinica della mie patologie, ma che mi dica che la mia imperfezione è per lui farina preziosa per impasti inediti di umanità.

Sono tormentato da una vorace fame di Assoluto. Vorrei sentirmi avvinto dall’ebbrezza delle vette del pensiero generato dalla contemplazione dell’Eterno.

Non resisto dalla voglia di sentirmi inondato da suggestive proposte di futuro anziché essere bombardato da schegge di umane miserie, descritte nella loro multiforme meschinità che generano depressione e non elevano l’animo.

Mi spaventa la mediocrità delle proposte, il pensiero unico, l’omologazione, le mode passeggere che, con acrobatica disinvoltura da circensi, volteggiano nel cielo della tenda-Chiesa passando dalla demonizzazione delle scienze umane alla loro feticizzazione, fino a rasentare un dogmatismo da far rizzare i capelli persino all’apologetica d’un tempo.

Che quanto prima si torni a osare il pensiero alto, arduo, divergente, alternativo, creativo, il pensiero che è il riflesso della ricchezza inesauribile del Logos, del Verbo disseminato in ogni campo e che geme e soffre nell’attesa di produrre germogli nella vita di quanti si lasceranno inondare dalla sua luce e dalla sua incantevole bellezza.

Cf. SettimanaNews

L’attenzione all’esercizio del ministero e al suo rapporto con la comunità cristiana rappresenta uno dei temi centrali seguiti da SettimanaNews, sia per offrire spunti di riflessione sia per aprire un dibattito pubblico sulle trasformazioni che il ministero sta conoscendo – e su quelle a cui la Chiesa dovrebbe urgentemente mettere mano in vista di una sua significativa presenza nella vita della fede nel prossimo futuro.

S. Armanni: Caro prete…
R. Zanon: Cara Sara…
L. Maistrello: Crisi dei preti, riflessioni e proposte
E. Petrolino: Cosa fanno i diaconi in Italia?
G. Pagano: Sul disagio dei preti
G. Cavallari: Ministero e carità

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Un commento

  1. Ennio Lucchetti 9 marzo 2021

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi