Un cristianesimo senza riti?

di: Gigi Maistrello

Il culto non può essere fine a se stesso, ma deve radicarci nel passato (memoriale), aprirci ad un presente da amare e proiettarci nell’eternità.

L’emergenza del coronavirus sta cambiando anche lo scenario religioso dei cristiani.

Noi veniamo da una tradizione antichissima dove la ritualità è sempre stata il cuore del cristianesimo. Basterebbe guardare alla nostra pastorale per renderci conto di quanto tutto l’impianto delle parrocchie si sia sempre basato su celebrazioni e riti.

La santa messa, sia quella feriale e soprattutto quella festiva, è stata ed è il vero calendario e persino l’orologio per una parrocchia. Dall’eucarestia celebrata, infatti, parte la scansione di tutti gli impegni comunitari. La domenica è il culmine e la fonte della settimana e, nello stesso giorno, la santa messa la fa da padrona: è sempre stato inconcepibile anche solo immaginare una domenica senza quell’appuntamento.

Basti vedere come in questi ultimi anni, con il tracollo del numero dei preti, tutta l’azione delle unità pastorali sia sempre partita dalle celebrazioni domenicali, sia con o senza la presenza di un sacerdote. Gli stessi funerali, i battesimi e i matrimoni sono vissuti all’interno di un rito eucaristico.

La maggioranza degli eventi sia degli individui sia delle famiglie sia della società tutta trova nell’appuntamento rituale la propria ragione d’essere: la nascita, la morte, la malattia, la maturità, la festa, l’anniversario… Persino gli appuntamenti di carattere civile trovano lo spazio per un rito religioso.

Il precetto festivo poi, ha avuto (e continua ad avere ancora, almeno per una fascia di credenti) un ruolo determinante per dare il ritmo non solo ai singoli, ma a tutta la nostra società.

Io sottoscritto devo ammettere che, vicino ai settant’anni, sento stampato nel profondo del mio essere questo impegno domenicale e sarebbe per me quasi un dramma non poterlo vivere, al di là del peccato.

Alla fine si potrebbe così arrivare all’affermazione più drastica: togliete il rito e vi toglierò anche la religione! Sarebbe semplicemente drammatico se questo potesse avvenire.

Questo virus ci sta mettendo tutti con le spalle al muro e ci costringe ad una riflessione che, credo proprio, alla fine sarà solo benefica e fertile.

Potremmo intitolare questo scenario in questo modo: un cristianesimo senza riti! Potrebbe esistere? Se non potesse esistere, vuol dire che è nato morto. Potrebbe essere accusato di arbitrarietà. Sarebbe la negazione dell’evento centrale per la nostra fede, quello chiamato Gesù Cristo.

Non abbiamo mai avuto un’occasione come questa, un’opportunità mondiale persino, per iniziare una bella rivoluzione: passare dal rito alla vita di ogni giorno e rimettere il rito al suo posto giusto.

La nostra azione pastorale deve prima di tutto basarsi sulle relazioni d’amore. I pastori quindi, prima di essere celebranti, devono essere esperti di vita, innamorati della stessa e di ogni uomo, capaci di relazioni alte, educati all’incontro e al dialogo, convinti che il messaggio cristiano deve passare attraverso questa rete. La celebrazione con relativo rito, viene dopo, alla fine. Il culto deve servire per rinforzare il collegamento con la radice del passato (la memoria e il memoriale), deve riunire il popolo nel presente di amore e proiettarlo nell’eterno.

In questi ultimi anni abbiamo assistito invece alla diffusione proprio della “passione liturgica”. Preti, soprattutto giovani, che hanno aumentato il tempo dedicato ai riti, ai paramenti sacri, agli addobbi liturgici, ai chierichetti…. Per carità, tutte cose utili, ma… è bastata la cacchetta di un pipistrello cinese per azzerare tutto.

Non ho memoria di un anno in cui non si sia celebrata la Pasqua, neanche in tempo di guerra, o in periodi di persecuzione! Fino al concilio Vaticano II un evento come quello del coronavirus avrebbe indotto i fedeli a riunirsi numerosissimi per implorare in qualche santuario l’intervento della Madonna; grazie alla riconciliazione con la scienza, tutto questo non è più riproponibile.

Qualcuno si consola attraverso lo streaming; ma questo, per un vecchio del mestiere come me, fa solo tenerezza se non pena. Per carità: in tempo di siccità, buona persino la tempesta! Ma non venite a dire che tutto questo è normale. È più normale tenere le chiese aperte e permettere che i fedeli vi entrino, magari uno a uno, e possano raccogliersi in preghiera.

Verrà ancora il tempo per celebrare e far festa tutti insieme: intanto cerchiamo di amarci, rispettando le disposizioni delle autorità e continuando a pregare “ognuno come gli va”!

  • Don Gigi Maistrello è cappellano del carcere di Vicenza.

Emergenza socio-sanitaria e forme di vita cristiana
Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Un commento

  1. GIRELLI SAVIO 20 marzo 2020

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi